CARRARA. Balnearia 2013, il Salone professionale delle attrezzature balneari, outdoor design e benessere che si svolgerà a CarraraFiere dal 3 al 7 marzo può essere considerata come l’evento che farà registrare una ripresa degli investimenti in considerazione del contesto che si è creato dopo la formalizzazione della proroga al 2020 delle concessioni demaniali delle spiagge italiane.

Tanto le principali Associazioni di Categoria quanto la stampa specializzata si dichiarano fiduciose circa un ritorno agli investimenti che hanno in una fiera fortemente radicata e frequentata dai professionisti il luogo deputato all’informazione sulle novità e alle conseguenti contrattazioni.

CarraraFiere è impegnata a realizzare un evento particolarmente ricco di proposte commerciali considerato che Balnearia 2013 si svolgerà in contemporanea con Tirreno CT, mostra convegno dell’ospitalità che richiama gli operatori del comparto food, beverage e hotellerie di tutta Italia.

È una sinergia utile a tutti, che crea un contesto positivo nel quale gli imprenditori balneari si ritroveranno per un appuntamento di alto livello professionale che stimolerà l’incontro e il business con i fornitori di fiducia e la valutazione di nuove opportunità.

Il nuovo clima che pervade il settore è sottolineato anche dalle Associazioni come il Sindacato Balneari Sib che “giudica la recente proroga delle concessioni demaniali al 2020 una misura positiva ma assolutamente interlocutoria – dice il presidente Riccardo Borgo – per cui ritiene sia indispensabile che il nuovo governo inserisca nel proprio programma un riordino urgente della normativa di regolamentazione del demanio marittimo.

“Una legge quadro, insomma, che elimini la condizione di precarietà che oggi caratterizza e condiziona le imprese turistico-ricreative italiane, così come chiaramente esplicitato nel documento programmatico redatto dal sindacato in previsione delle prossime elezioni politiche.” Sulla base di queste considerazioni il Sindacato ha ritenuto utile dare un segnale di inversione di tendenza, seppur condizionato, all’immobilismo degli investimenti che la scadenza delle concessioni al 2015 imponeva e, analogamente a quanto fatto nelle precedenti edizioni ha annunciato che organizzerà nella sede di Balnearia alcune importanti iniziative sindacali delle quali sta definendo il programma.

Oltre a Sib tutti i sindacati e le associazioni di categoria hanno già confermato la loro partecipazione, interrompendo, di fatto, il boicottaggio lanciato lo scorso settembre come azione di protesta. Dunque Sib, Fiba, Assobalneari e Cna Balneatori, oltre ai rispettivi direttivi nazionali, organizzeranno un grande convegno unitario martedì 5 marzo per fare il punto sulla situazione con il nuovo governo che sarà stato appena eletto. Saranno presenti inoltre l’Itb Italia, Federbalneari, il Comitato salvataggio imprese e turismo e l’Afib; quest’ultima a rappresentare i fornitori.

Proprio le aziende dell’indotto, finora le più danneggiate dal quadro normativo incerto, potranno godere durante Balnearia delle garanzie più volte annunciate dagli imprenditori circa un ritorno degli investimenti per dare un segnale al settore, che in questi mesi continuerà a chiedere alla politica la sicurezza necessaria che porterà a una riforma del settore turistico con gli stessi attori di sempre, detentori di innovazione e tradizione e disposti a rigenerare il turismo balneare tramite ingenti investimenti pur di salvaguardare la propria impresa.

(Visitato 132 volte, 1 visite oggi)
TAG:
balnearia carrara fiere riccardo borgo sib

ultimo aggiornamento: 01-02-2013


I BALNEARI A ROMA PER LA CONFERENZA NAZIONALE SUL TURISMO INDETTA DAL PD

PAURA E TIMORE ANCHE IN VERSILIA PER ALLERTA TERREMOTO