(foto Marco Pomella)
(foto Marco Pomella)

 MASSAROSA. “E’ necessario replicare a Fabrizio Larini, che dice cose sbagliate, imprecise o elusive”, scrive l’assessore al bilancio Adolfo Del Soldato. La sua è una replica alle parole e alle accuse di questi giorni dell’ex sindaco di Massarosa, Fabrizio Larini.

“Prima due considerazioni preliminari. Si può pensare ciò che si vuole di Larini – scrive Del Soldato – ma chi ha fatto il sindaco di Massarosa per dieci anni è per definizione un pezzo di storia della nostra comunità. Questo a prescindere dal giudizio che si dà sulle scelte operate, ed è noto che noi non abbiamo fatto sconti. Larini abbia più rispetto del suo ruolo e della storia, perché queste esternazioni scomposte, con insulti personali, denigrazioni, falsità cominciate già dieci giorni dopo il cambio di amministrazione e ripetute sempre uguali non offendono noi, offendono la sua storia. La seconda considerazione è che ogni uscita di Larini sul piano politico è un atto di accusa verso l’opposizione consiliare, che evidentemente giudica inadeguata”.

“Nel merito – aggiunge Del Soldato – Larini proprio non si rende conto delle conseguenze della violazione del patto di stabilità, quando invita anche noi a fare altrettanto con norme pesantissime imposte dai governi della destra. Massarosa è stata in quarantena per tre anni, ha perso opportunità e finanziamenti, ha subito continue indagini della Corte dei Conti. La motivazione che adduce è inaccettabile, ma al massimo lo potrebbe giustificare per un anno. E gli altri due? Lo ha spiegato con candore l’ex assessore Franco Simonini in commissione: c’erano le elezioni, non potevano bloccare le spese. Quanto poi ai fondi fatti arrivare a Massarosa nel 2004-05, quando si fanno delle operazioni amministrative approssimative queste poi sono le conseguenze. Fondi senza progetti che tuttora sbilanciano il Comune. Un problema in parte risolto dalla nostra amministrazione, attraverso la cessione dei fondi ad altre amministrazioni, con esiti positivi. La parte dei fondi che non abbiamo potuto cedere la stiamo spendendo con estrema difficoltà per i tetti di spesa imposti dal patto: sono regole assurde, è vero, ma che dovevano e potevano essere affrontate quando ancora si poteva. L’amministrazione Larini fu inerte e ancora ne paghiamo il conto”.

 “Per quanto riguarda i debiti fuori bilancio – replica ancora il vicesindaco – Larini probabilmente si riferisce alla prassi di far slittare in alcuni servizi le ultime fatture dell’anno all’esercizio successivo. E’ una prassi che sotto la sua amministrazione aveva raggiunto livelli incredibili: nel campo delle utenze e della pubblica illuminazione a settembre finivano i soldi e le bollette successive si pagavano col bilancio dell’anno dopo. Una prassi che abbiamo corretto e se l’abbiamo tollerata in poche circostanze è stato per non interrompere servizi essenziali, quando la violazione del patto di stabilità ci imponeva limiti di spesa insuperabili, anche trovando le risorse a copertura. Oppure quando abbiamo fronteggiato, con operazioni sicuramente sul filo come dice lui, impegni assunti dalla sua amministrazione: cosa avremmo dovuto fare: denunciarlo alla Corte dei Conti? Chiedergli i soldi di tasca? Non è e non sarà il nostro stile”.

 “Il project financing – accusa Del Soldato – è un pasticcio del quale non si sapeva nemmeno se nella rata annuale (si parla di 400.000 euro all’anno) era conteggiata o non conteggiata anche l’iva. Per non parlare delle irregolarità amministrative in serie che ci sono voluti anni per sanare. Il contratto di disponibilità ha avuto una ribalta nazionale, con premi e pubblici riconoscimenti di efficienza e trasparenza. E in generale: sa Larini che da 3 anni non si possono più fare mutui? Come avremmo potuto fare tante opere (nessuna amministrazione in questi anni si è mossa come Massarosa) se non con l’inventiva e la capacità di trovare soluzioni da tutti riconosciuta all’amministrazione Mungai? Sulle diverse questioni in materia di personale risponderà l’amministrazione in una apposita conferenza stampa”.

(Visitato 39 volte, 1 visite oggi)
TAG:
del soldato larini massarosa

ultimo aggiornamento: 07-02-2013


FARMACIE COMUNALI, I SINDACATI: “INACCETTABILE L’IMPOSIZIONE DEL NUOVO REGOLAMENTO DI A.S.SO.FARM”

SPESE MILITARI, STATO SOCIALE E LAVORO. SE NE DISCUTE ALLA FICAIA