(foto di archivio)
(foto di archivio)

PIETRASANTA. Questa mattina il sindaco del Comune di Pietrasanta, Domenico Lombardi, gli assessori competenti in materia, i tecnici dei lavori Pubblici e della protezione civile, in conferenza stampa hanno fatto un nuovo punto della situazione drammatica che si sta delineando sul  territorio di Pietrasanta.

Il sindaco Domenico Lombardi, in un appello accorato ha ribadito lo stato di massima emergenza nel nostro Comune: “Faccio appello alla Regione, alla Provincia e ai proprietari delle aree critiche private, affinché mettano in atto tutti i rimedi di loro competenza. Si sta definendo un quadro inquietante che riguarda la strada di Lavacchino a Strettoia, dove una frana ha isolato questa zona; lo Strinato con un cedimento di parte del manto stradale; la zona Bottigliona a Solaio dove è in atto uno smottamento massiccio. Sono in corso smottamenti anche in via Capriglia, a Capezzano Monte e in via Cannoreto. La nuova situazione con un grande versante di frana riguarda un’area che ricade nel Comune di Montignoso, via Metati Rossi Alti ma che di fatto isola alcune famiglie di Strettoia. Entrando nel particolare l’isolamento di Lavacchino interessa 15 famiglie, allo Strinato 9 e a Mestati Rossi Alti 8 famiglie e una famiglia a Cerreta. In zona Bottigliona invece sono state evacuate 6 famiglie. In totale sono 37 le persone isolate e 13 persone evacuate. Per le famiglie di Bottigliona l’evacuazione è avvenuta volontariamente e sono ospitate da amici e familiari”.

“Ringrazio vivamente gli assessori Forassiepi, Bacci e Viti. Il geologo Caccarelli, la dirigente Riccomini, il responsabile della Polizia Municipale Fiori, il responsabile della Protezione Civile, Taccola e tutte le squadre di tecnici e operai che sono da più di 48 ore a lavoro. In questa situazione di massimo allarme la macchina comunale sta andando con la massima potenzialità”.

Sugli interventi da un punto di vista tecnico, la dirigente dell’Urbanistica e Lavori Pubblici, Manuela Riccomini aggiunge: “A Lacchino la frana interessa i comune di Seravezza. Qui l’intervento è stato coordinato dal centro intercomunale di Protezione Civile e dai comuni di Pietrasanta e Seravezza. È stato predisposto un servizio navetta per bimbi che devono andare a scuola e sono stati aperti due percorsi pedonali (in fase di ultimazione da parte del comune di Seravezza).

La situazione allo Strinato non rende invece percorribile la strada se non a piedi.

È in corso di valutazione da parte del Coordinamento del centro intercomunale protezione civile la grossa frana di Mestati Rossi Alti, che se pur sviluppatasi nel versante montignosino, interessa parte del nostro territorio”.

Il geologo Ceccarelli ha invece posto l’accento sulle caratteristiche delle frane, che riguardano solo in parte la viabilità, ma nascono quasi tutte su spazi urbanizzati: “Il nostro territorio è a grande rischio idrogeologico e deve esse curato. Una cura che deve essere anche prerogativa di proprietari di case e terreni. Tutte le frane in corso sono dovute all’acqua che ha saturato la coltre. Le più grandi sono in via della Resistenza che ha coinvolto via Lavacchino e via Metati Rossi Alti. Per Bottigliona si tratta di uno scoscendimento subito dietro le case, che sta avanzando lentamente”.

Il responsabile della Protezione Civile, Stefano Taccola ha aggiunto: “Nell’elenco delle persone da ringraziare, aggiungo le associazioni di volontariato per la grande attenzione rivolta alla comunità in difficoltà. Siamo stati in grado di gestire uno scenario di presidi a garanzia della popolazione e non. In particolare a Lavacchino ci siamo attrezzati posizionando per tutta la notte un punto luce e una roulotte che potesse diventare un primo punto di assistenza alle famiglie in caso di necessità.

Anche in via Strinato abbiamo attivato un punto luce e una squadra a presidio per tutta la notte. Sono frane che non hanno altra via di uscita e quindi è stato necessario organizzare anche un servizio di bus navetta garantito dai volontari.

Altro presidio è quello in via Bottigliona, dove nonostante l’evacuazione, è stato garantito un presidio notturno la notte scorsa, che sarà replicato anche nella prossima.

Per quanto riguarda le frane di Capriglia, Capezzano e Cannorto sono in corso rilevazioni strumentali”.

Sul lavoro svolto dal Comando di Polizia Municipale è invece intervenuto il responsabile Giovanni Fiori che ha ricordato le numerose ordinanze emesse a garanzia della viabilità e dell’incolumità delle persone: “Per il terzo giorno consecutivo il nostro persone è presente in forma fissa o in forma dinamica dove sono le emergenze, in rapporto costante con le altre forze di polizia, i tecnici e i volontari.

In via Metati Rossi Alti abbiamo appena emesso un’interdizione totale al traffico e la viabilità è garantita dal percorso sul territorio di Montignoso. Approfitto per fare un appello alle persone affinché rispettino la segnaletica apposta. Questo momento di sacrificio è quanto mai necessario per scongiurare il pericolo immediato.

La nostra attività continua costantemente con presidi fissi sugli interventi in corso e presidi dinamici su tutto il territorio. Ricordo infine che in caso di necessità è sempre attiva la nostra centrale operativa allo 0584/795400”.

+ frane e evacuazione anche a Camaiore

(Visitato 64 volte, 1 visite oggi)
TAG:
case Domenico Lombardi evacuate evacuazione frana frane isolate pietrasanta

ultimo aggiornamento: 13-03-2013


TIRO ALLA FUNE, MERITATO PODIO PER I BLACK BULL CAMAIORE

FRANE E EVACUAZIONI, SOTTO OSSERVAZIONE LA ZONA DI GUSCERI