CAMAIORE. L’Upc torna al successo, si aggiudica lo scontro salvezza con Bologna e interrompe il lungo digiuno. Di fronte al pubblico di casa l’Upc parte male, recupera e per poco non fa risultato netto, qualche errore di troppo costa il quarto set, ma la squadra dal secondo parziale scende in campo compatta e unita e dimostra che quando gioca con concentrazione e determinazione porta a casa il risultato. Determinante il cambio formazione operato dal coach in avvio di secondo set.

Due punti importanti per non dire fondamentali quelli odierni, in considerazione anche della vittoria di Villadoro su Massa, la classifica infatti vede la quartultima piazza occupata dalle due compagini appaiate a quota 22 ovvero +7 dai biancoblu. Nota stonata del match, l’abbandono dell’olimpionico italo cubano Alexis Batte che non accetta la sostituzione in avvio di secondo set e lascia il terreno di gioco. Negativa anche la reazione del 2° libero Lazzotti che rifiuta di rientrare dopo essere stato sostituito nel 4° set, per il semi-infortunato Bergamini.

Primo set: Upc in campo con Torre – Batte in diagonale, Chiti – Concepito in banda, Nannini – Bernieri al centro, libero Bergamini. Bologna in campo con Bellei – Lambertini in banda, Decarli – Emiliani al centro, Gruessner – Dalla Casa in diagonale, libero Not. Dopo un avvio equilibrato, sul 5 pari Bologna trova l’allungo e con un quasi ace di Emiliani, finalizzato da Dalla Casa, ed un ace si porta sul 5-8 al primo time out tecnico. Al rientro Emiliani serve in rete. L’Upc non ne approfitta, Bellei aiutato dal nastro fa ace e sul 7-11 arriva il primo tempo biancoblu. Al rientro fa tutto Bellei con due ace ed un errore che riconsegna palla all’Upc castigata da De Carli e gli emiliani volano a +7. Sul 10-15 Chiti trova il primo ace dei locali, ma poi regala il 16° punto (10-16 al 2° time out tecnico). Sul 12-20 cambio in regia per l’Upc con Dati dentro per Torre. I bianco – blu accorciano le distanze ma sul 19-24 Bologna ha il primo set ball, annullato da errore al servizio. Gli emiliani chiudono subito dopo a muro (20-25).

Secondo set. Bologna è schierata con la stessa formazione. Cravedi prova Chiti (per Batte) opposto in diagonale con Dati e Amore in banda, Alexis Batte non accetta la scelta del tecnico e abbandona il terreno di gioco ignorando i richiami della società. La reazione di capitan Bernieri e compagni all’increscioso episodio è sorprendente, l’Upc mostra una verve diversa rispetto al primo set e prende il comando. Sul 2-8 è time out Bologna che poi accorcia e al primo time-out tecnico è a -3 (8-5). L’Upc allunga ancora e sul punteggio di 8-14 arriva il secondo time-out giallonero. Sul turno al servizio di Amore che mette assegno un ace, i biancoblu si portano a +9 (19-10) coach Grassili mette dentro Cordano per Lambertini. Il nuovo entrato va a segno, ma il gap è troppo. Sul 21-12 Bernieri conquista un altro ace e sempre con un ace Concepito chiude il set sul 25-15.

Terzo set. Formazioni in campo come nel set precedente. Il primo punto arriva con un muro di Lambertini sul capitano biancoblu Bernieri, ma i locali riconquistano subito palla. Al primo time out tecnico guidano 8-6 ed al secondo 16-8. Sul 13-8 il libero Bergamini rimasto a terra dolorante ad una mano è stato sostituito dal libero Lazzotti. Sul 18-9 Grassilli cambia la regia con Fiori per Dalla Casa, ma l’Upc allunga e dopo l’ace di Amore che vale il 22-10 ripropone Cordano per Lambertini. Concepito va a segno due volte e conquista sul 24-11 la prima palla set che Bernieri annulla servendo in rete, ma Bologna rende il favore ed il servizio in rete di Emiliani vale il 25-12 biancoblu.

Quarto set. Cravedi non cambia, mentre Grassilli per Bologna lascia in campo Cordano per Lambertini e Fiori per Dalla Casa. Sul 1-2 Fiori rimane a terra dopo un contrasto con un compagno, il gioco si ferma ma è un falso allarme e dopo breve si riparte. Al rientro l’ace di Gruessner vale il pari. L’equilibrio regna fino al primo time out tecnico con Bologna avanti 7-8. Le due squadre regalano emozioni e sul 12 è ancora parità, poi Bologna trova l’allungo e sul 12-15 dopo l’ace di Emiliani, Cravedi chiama time-out. Al rientro Chiti riconquista palla, ma al 2° time out tecnico Bologna è di nuovo a +3 (13-16). Sul 13-17 Bergamini ritorna in campo. Bellei per i gialloneri fa male, prima in attacco poi al servizio e sul 14-20 Cravedi per l’Upc ferma il gioco. Al rientro i biancoblu non approfittano dei diversi errori al servizio degli ospiti e Bologna chiude sul 17-25.

Quinto set. Grassilli per Bologna conferma il sestetto del quarto set. Cravedi per l’Upc affida la regia a Torre per Dati, Lazzotti si rifiuta di rientrare e Bergamini resta in campo. In avvio due errori giallo-neri valgono il mini-break locale, ma sul 3 è parità. L’Upc allunga ancora e dopo l’ace di Amore valevole il 5-3 Grassilli ferma il gioco. Al cambio campo biancoblu sempre al comando (8-4) e sul 9-4 Grassilli è costretto a chiamare il suo secondo time – out; sul 10-4 cambia la diagonale con Lambertini e Dalla Casa in campo per Gruessner e Fiori. Emiliani stoppa il turno al servizio di capitan Bernieri (valso un +5), ma Concepito riconquista palla (12-5). Il 14° punto Upc è di Nannini e sul 14-6 Cravedi inserisce Evangelisti per Torre, Concepito butta in rete e Torre torna in campo. Grassilli ripristina la diagonale, ma Chiti per l’Upc sigla il successo sul 15-7.

Unione Pallavolo Camaiorese  – Zinella Bologna 3-2

UPC: Dati (2), Nannini (8), Bernieri (11), Picchi, Concepito (14), Amore (13), Lazzotti e Bergamini liberi, Batte (3), Evangelisti, Chiti (21). All. Cravedi.

Zinella Bologna: De Carli (6), Dalla Casa (4), Bellei (16), Gruessner (14), Lambertini (6), Cordano (3), Emiliani (13), liberi Not e Mazzoni, Fiori, Ballandi. All. Grassill.

Arbitri: Luca Gianni e Roberto Albonetti.

Parziali: 20-25, 25-15, 25-11, 17-25, 15-7.

(Visitato 44 volte, 1 visite oggi)
TAG:
alexis batte bologna unione pallavolo camaiorese upc volley

ultimo aggiornamento: 17-03-2013


CALCIO A 5, IL VERSILIA BATTE IL TRE ESSE 2005: PLAY-OFF MENO LONTANI

CICLISMO, IL TEAM SPORTISSIMO VINCE LA CRONOSQUADRE DELLA VERSILIA