VIAREGGIO. Lui stesso la definisce “una lista di persone normali”, quella dei candidati al consiglio comunale presentata oggi in municipio. Una lista “popolare”, giusto per tenere fede al nome della formazione politica che rappresenterà alle elezioni amministrative del 26 e 27 maggio – Viareggio Popolare, ben appunto. Paolo Spadaccini, ex presidente del consiglio comunale e del Festival Pucciniano, corre alla carica di sindaco: la sua candidatura, in realtà, era già stata ufficializzata a gennaio. Ma in quel momento si era presentato come esponente dell’Udc.

Stavolta, invece, Spadaccini sceglie definitivamente la via della lista civica, che pure comprende nomi legati al partito dello scudo crociato. “Non ci presentiamo alle amministrative, è vero. Ma abbiamo preferito farlo comunque con Spadaccini candidato sindaco e con questo simbolo”, spiega Eva Fabbri, segretario comunale dell’Udc. “In realtà non è una grande sorpresa: già alle elezioni politiche avevamo corso come Udc solamente ad una camera, condividendo il progetto politico di Scelta Civica attorno alla figura di Mario Monti.

“A Viareggio, invece, la situazione è diversa: nei mesi scorsi avevamo riscontrato un grande interesse verso Spadaccini per la sua professionalità ed esperienza amministrativa. Ci siamo trovati di fronte a qualcosa che andava oltre l’Udc e allora si è reso necessario dar vita a questa lista civica.

“Siamo convinti che in questo momento non giovi a nessuno arroccarsi su posizioni idelogiche e autoreferenziali: ciò che conta non è la veste o il simbolo di un partito, ma i suoi contenuti.  Non ci nascondiamo dietro una lista civica.”

Spadaccini anticipa che “se sarò sindaco farò pochi discorsi: parlerò cinque minuti e poi tornerò a lavorare per questa città. In questi giorni sono stato trattato male sulla stampa da vari avversari, ma non mi interessa: io voglio parlare di Viareggio e dei suoi problemi. Chi alimenta queste risse mediatiche è un uomo piccolo piccolo e io non voglio perder tempo a bisticciare con qualcuno.”

A chiudere la presentazione l’intervento di Giuseppe Del Carlo, capogruppo Udc in consiglio regionale: “A Spadaccini mi sento di fare una sola raccomandazione: dire la verità ai cittadini, anche se non si tratta di belle notizie, senza rifarsi alle responsabilità altrui. Diamo preminenza ai problemi della città, non a quelli dei partiti.”

Nella lista dei 24 candidati trovano spazio numerosi novizi ma anche esponenti della passata amministrazione di centrodestra, vedi l’ex consigliere comunale Bruno Puccinelli e Iolanda Sarzi Amadè, ex consigliera d’indirizzo della Fondazione Carnevale.

Questa la lista completa:

PATRIZIO BALDINI 16/06/66 commercialista
STEFANIA BONTEMPO CASALOTO 19/04/85 infermiera
JONATHAN ENZO CUPISTI 27/10/83 ingegnere
PIER FRANCESCO FALORNI 24/11/35 agente immobiliare
NELLA FARNESI 10/04/47 medico di base
BARTOLOMEO GIANGRASSO 10/07/66 perito navale
ANDREA GIANNONE 08/08/78 magazziniere
UGO IACOMETTI 10/07/47 architetto
OMBRETTA SONIA MALASOMA 21/02/65 bancaria
GIOVANNI MARRACCINI 05/08/77 medico
FEDERICO MASI 08/01/78 agente immobiliare
FABIO NOVELLI 20/04/63 Luogotenente elicotterista in congedo
FEDERICO PALAGI 24/01/81 geometra
GIUSEPPE PETRACCA 01/01/56 medico dentista
JONATHAN PICCHI 20/03/84 parrucchiere
GRAZIELLA PICCININI 19/01/41 ex presidente circoscr. Torre del Lago
FRANCO POCCI 02/05/53 avvocato
GIACOMO PODDA 25/07/90 studente universitario
NATASCIA PUCCI 13/04/75 casalinga
BRUNO PUCCINELLI 22/11/54 geometra
ELEONORA QUARTARARO 12/01/93 studentessa universitaria
LUCIA MARIA ROSELLINI 20/12/58 operatrice ecologica
IOLANDA SARZI AMADÈ 17/08/29 ex preside scuola media Menini
VITTORIANO SIMONINI 25/04/51 medico di base

Leggi l’intervento di Eva Fabbri

(Visitato 445 volte, 1 visite oggi)

STACCIOLI, DONZELLI E MARCHESCHI: “DUBBI SUI CRITERI DI RIPARTIZIONE DEI FONDI AL PUCCINIANO”

SINDACATI: “LA CENTRALE DEL 118 DEVE RIMANERE IN VERSILIA”