L'IDV: "A VIAREGGIO NON ESISTE UN PIANO DI PRIMA EMERGENZA SANITARIA NELLE SCUOLE PER L'INFANZIA" - Politica Versiliatoday.it

L’IDV: “A VIAREGGIO NON ESISTE UN PIANO DI PRIMA EMERGENZA SANITARIA NELLE SCUOLE PER L’INFANZIA”

VIAREGGIO. “Non esiste un piano di formazione relativo agli interventi di prima emergenza sanitaria per il personale – docente e non docente – delle scuole per l’infanzia. Lo sapevate? Sapevate che i nostri bambini restano per diverse ore in custodia a persone che potrebbero non essere in grado di intervenire sia nei casi più semplici, come uno svenimento o una frattura, sia nei casi più gravi come convulsioni, ostruzione delle vie respiratorie, arresto cardio-respiratorio?” Lo scrivono in una nota Daniele Cammilli e Angelo Del Gaudio, coordinatori dell’Italia dei Valori a Viareggio.

“Non più tardi di due mesi fa, in una scuola materna di Napoli, un bimbo di soli quattro anni ha perso la vita soffocato da un boccone di mozzarella andato per traverso: un boccone grande quanto un’oliva, che nessuno è riuscito ad estrargli in tempo. Purtroppo non si tratta di un caso isolato. Noi pensiamo che dove non arrivino le normative debba arrivare il buon senso.

“L’amministrazione pubblica ha il dovere di tutelare in ogni modo possibile la salute dei cittadini, ed in particolar modo quella dei bambini, dunque non importa se la formazione per il personale scolastico non è prevista: si acquistino i defibrillatori, si organizzino corsi di formazione gratuiti con la collaborazione degli enti assistenziali preposti e si chieda con forza a tutto il personale delle scuole di parteciparvi.

“Non è più tollerabile che nel 2013 un bambino di quattro anni corra il rischio di morire solo perché la scuola pubblica che lo ha in custodia non ha personale in grado di mettere in atto, ad esempio, una semplicissima tecnica di disostruzione pediatrica.

“Stigmatizziamo il fatto che l’ex amministrazione di centrodestra, presieduta tra l’altro da un medico, nonostante sia stata più volte sensibilizzata su questo argomento dal coordinamento Idv di Viareggio, non se ne sia mai presa carico.

“Non è una questione di colore politico: qui si tratta della vita dei nostri figli e noi, diversamente da altri, ci attiveremo con tutte le nostre risorse perché tragedie come queste non abbiano mai più a verificarsi, tanto nelle scuole del nostro Comune quanto in quelle di tutto il paese.”

(Visitato 15 volte, 1 visite oggi)

Aggiornato il: 11-05-2013 15:00