VIAREGGIO. Avevano promesso che le loro iniziative non si sarebbero limitate al solo “Rione che non c’è”. E così è stato: i commercianti riuniti nell’associazione Vivere la Darsena hanno partorito un altro evento, la “Festa dei giardini di mare”, per sabato 25 e domenica 26 maggio.

“L’idea è quella di rivalutare una zona caratteristica, eppure trascurata, della Darsena, quella del lungocanale che parte dal ponte girante e passa di fronte al Museo della Marineria, oltre a piazza Viani”, spiega Debora Mazzoni del Bar Cro, tra le principali promotrici dell’associazione nata lo scorso gennaio.

Per due giorni, dunque, il lungocanale cambierà completamente volto, con mercatini dell’antiquariato, artisti di strada e, soprattutto, le panchine addobbate e travestite. Ci saranno, ad esempio, quella con gli abiti da principessa della giovane stilista Rebecca Adami, quella ricoperta di materiali naturali e di riciclo urbano di Annalisa Benedetti ed Enrico Botta, quella piena di profumi ed essenze di Egisto Bertozzi e quella con i tappini realizzata dal carrista Enrico Vannucci. Partecipano a questa singolare iniziativa anche la designer, nonché presidente dell’associazione, Roberta Patalani (la figura di Pinocchio tra i due carabinieri diventa una scultura d’arredo urbano contemporanea), la grafica Cristina Petrucci (utilizzerà i quotidiani come ironico rivestimento) e Vittorio Simoncini con “la panchina del poeta”.

Foto versiliatoday

“Tutti questi artisti si sono prestati gratuitamente, mettendo però a disposizione ingegno e creatività”, racconta Roberta Patalani. “Tutti insieme proviamo a far avere un successo a questa manifestazione, nata per lanciare una sfida allo stato di degrado diffuso nelle piazze e nei giardini della nostra città.

“Con la Festa dei giardini di mare vogliamo mostrare come potrebbero, o forse dovrebbero, essere i luoghi d’incontro all’aperto qua a Viareggio. Soprattutto, vogliamo far capire che è ancora possibile organizzare eventi in Darsena: questo evento è l’inizio di un nuovo percorso. Se la risposta sarà buona, nulla vieta in futuro di coinvolgere altri angoli della Darsena, magari con una festa a tema.”

Oltre alle panchine e ai mercatini – saranno aperti dalle 10 alle 22 di sabato e domenica – non mancheranno l’animazione per i più piccoli, il gioco dei tappini e quello della campana e una piccola mostra fotografica dedicata al “Rione che non c’è”. Altra particolarità sarà il trenino del parco Gioco Tolu che farà da navetta tra il pontile di Lido e via Coppino per accompagnare le famiglie senza alcuna preoccupazione per il parcheggio.

(Visitato 195 volte, 1 visite oggi)

UN’EDUCAZIONE DI RESPIRO EUROPEO: LE OPPORTUNITÀ OFFERTE DA ETWINNING

UN NUOVO BOZZETTO DI VANGI PER LA COLLEZIONE DEL MUSEO