PIETRASANTA. Anticipata domenica dal Sindaco Domenico Lombardi al ministro dello Sport, Josefa Idem, durante la manifestazione Anteprime, ieri è stata presentata ufficialmente la domanda di partecipazione al Bando “Per la realizzazione di nuovi impianti sportivi e l’adeguamento funzionale e la messa a norma di impianti già in essere”.

Il progetto per la riqualificazione del Campo di Atletica “Falcone e Borsellino” prevede una spesa di 500 mila euro, cofinanziati per 250 mila euro dal Comune di Pietrasanta nel piano delle opere del 2014, per 30 mila euro dal Piano Regionale per lo sport. I restanti 220 mila sono stati chiesti con la partecipazione al Bando del Governo.

Oggi l’impianto sportivo, gestito e mantenuto direttamente dal Comune di Pietrasanta (con proprio personale e con personale di una cooperativa), intitolato alla memoria dei giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, con diversificazioni orarie tra il periodo invernale ed estivo (attualmente è aperto dalle ore 8.30 alle ore 20.30) rimane aperto per 360 giorni all’anno per 12.00 ore al giorno ed è frequentato quotidianamente da oltre 150 atleti. È uno dei pochi impianti di atletica in cui sia possibile lanciare per cui attualmente sull’impianto si allenano atleti di fama nazionale ed internazionale, come il martellista Nicola Vizzoni, capitano della nazionale italiana di atletica leggera, Giacomo Puccini, campione italiano uscente del lancio del giavellotto, Roberto Bertolini, uno dei migliori giavellottisti italiani, Tiziana Rocco, delle Fiamme Azzurre più volte nazionale di giavellotto, Micaela Mariani, martellista e tesserata del CUS Pisa, pluricampionessa italiana giovanile e atleta nazionale.

L’Amministrazione Comunale intende, per il contributo alla realizzazione del progetto di riqualificazione, la Società Atletica Versilia, il suo presidente Filippo Viti e il consigliere Marco Innocenti.

(Visitato 17 volte, 1 visite oggi)

IL NEOSINDACO BETTI RICORDA CAPRILI: “LA POLITICA VIAREGGINA PERDE UNA VOCE AUTOREVOLE”

LUCCHETTI: “LA SEDUTA IN FORMA APERTA DEL CONSIGLIO COMUNALE NON È DA RITENERSI OBBLIGATA”