(foto Alberto Macaluso)
(foto Alberto Macaluso)

 VIAREGGIO. Non tarda ad arrivare dal Comune di Viareggio la spiegazione sul perché quest’anno la Firenze-Mare avrà l’arrivo a Camaiore e non a Viareggio. “Noi, come Comune di Viareggio, siamo stati sinceri fin dall’inizio. Non potevamo finanziare la Firenze-Viareggio di ciclismo, sia per la crisi economica che l’ente sta vivendo sia perché lo prevede la legge. Eppure, eravamo pronti ad aiutare gli organizzatori riducendo i costi per la Polizia Municipale e mettendo a disposizione coppe e medaglie.” Così Alessandro Caprili, assessore allo sport, intende sgomberare il campo dai dubbi sull’ipotesi che, dopo 66 anni di storia, la tradizionale corsa ciclistica di Ferragosto si concluda a Camaiore anziché a Viareggio.

 “Non deve passare il messaggio che la città si sia lasciata sfuggire anche questo evento sportivo – prosegue Caprili – avevo già stretto un accordo di massima con la parte viareggina degli organizzatori della manifestazione. Da Firenze, invece, si erano presentati giovedì scorso in municipio per parlare con me, senza tuttavia aver preso appuntamento come hanno fatto altre associazioni sportive. Io ero assente perché stavo effettuando un sopralluogo in vari impianti sportivi. Di fronte alla proposta di aspettare che rientrassi, o di fissare un appuntamento, gli organizzatori sono stati irremovibili e se ne sono andati.

 “Abbiamo riprovato a contattarli, sia io che il sindaco Betti, ma non ci hanno risposto. Nel frattempo, in quello stesso giovedì si erano già rivolti al Comune di Camaiore, dove è stato fissato il traguardo della prossima edizione della corsa, senza nemmeno avvisarci della mutata volontà. Mi preme sottolineare che l’attuale giunta si è insediata da poche settimane e che, oltre alle sopraccitate difficoltà economiche, si trova anche la spada di Damocle del piano di rientro imposto dalla Corte dei Conti. Ci saremmo aspettati più comprensione da parte degli organizzatori.”

 Anche il sindaco Leonardo Betti manifesta tutta la sua amarezza per l’accaduto: “Non è edificante vedere un’associazione decidere di ‘tenere i piedi in due staffe’ e cercare, come in un’asta, il miglior offerente: dopo tanti anni ci troviamo di fronte ad un’interruzione repentina dei rapporti che, inevitabilmente, arrecherà dei danni al Comune di Viareggio. Noi, comunque, rimaniamo aperti al dialogo con gli organizzatori, dai quali attendo dei chiarimenti in merito al loro operato.”

(Visitato 27 volte, 1 visite oggi)
TAG:
arrivo camaiore ciclismo cislistica firenze gara mare viareggi

ultimo aggiornamento: 10-07-2013


AL VIA LA RASSEGNA “VIAREGGIO INCONTRI”

MALTEMPO, RITARDI SUI TRENI DA E PER VIAREGGIO