VIAREGGIO. “Nei giorni scorsi Rossella Martina, consigliera comunale, ha in più di una circostanza ipotizzato che il padre di un assessore potesse appartenere alla massoneria, nel contempo chiedendo chiarezza circa l’eventuale appartenenza alle logge. L’assessore in questione con il massimo della trasparenza ha negato che suo padre, deceduto anni fa, avesse mai fatto parte di logge massoniche.” A scrivere è Elisa Montaresi, consigliera comunale del Pd nonché segretaria comunale del Partito Democratico stesso.

“Di tutta risposta, ieri sul gruppo di Facebook ‘Viareggio era una città bellissima’ la stessa Rossella Martina, con toni derisori, ha insinuato che ‘il caldo può dare alla testa’, negando di aver mai fatto le inutili illazioni a cui si replicava ed indicando la replica come una ‘buffa faccenda’.

“Riteniamo che i toni ed i contenuti usati dalla consigliera non siano confacenti all’alto ruolo istituzionale assunto su preciso mandato dei suoi elettori e la invitiamo come Partito Democratico a mettere in atto un’opposizione costruttiva e consona all’incarico ricoperto, oltre che alle comuni regole di buona educazione.”

(Visitato 151 volte, 1 visite oggi)

Edilizia, le quattro mosse della Regione per uscire dalla crisi

Caso pontile, Favilla: “polemiche che fanno male al turismo”