STAZZEMA. Il Consiglio Comunale di Stazzema ha approvato all’unanimità un ordine del giorno per chiedere le dimissioni del senatore Calderoli che nei giorni scorsi aveva fatto oggetto il Ministro per l’Integrazione, Cecile Kyenge di pesanti affermazioni a sfondo razzistico e un altro ordine del giorno contro l ‘acquisto dei cacciabombardieri F-35.

“Il Parco Nazionale della Pace”, commenta l’Amministrazione, “non poteva restare insensibili a questi temi molto importanti e di stringente attualità. Da una parte un Ministro della nostra Repubblica viene fatta oggetto di un attacco che non ha precedenti per il colore della sua pelle e per la sua appartenenza razziale. Quando la politica trascende su piani diversi dal confronto sui contenuti, perde il suo ruolo di gestione della cosa pubblica e finisce per alimentare razzismi e pregiudizi, contrariamente a quanto ci indica la Costituzione. Stazzema è un luogo in cui si parla di pace, dialogo e speranza, partendo proprio dal linguaggio che ha la usa importanza e dall’esempio di chi ha ruolo di governo, incarichi importanti nel Parlamento e nelle amministrazioni a tutti i livelli. Le istituzioni e le Camere devono essere intransigenti nei confronti di coloro che eccedono i limiti nelle loro dichiarazioni soprattutto se tali dichiarazioni hanno aperti contenuti di razzismo. Auspichiamo che il Ministro Kyenge accolga il nostro invito a venire a Stazzema dove troverà l’accoglienza che merita. Ovviamente al Ministro va la solidarietà di tutta la nostra Comunità. Il secondo ordine del giorno chiede al Governo un disimpegno nel programma di acquisto dei cacciabombardieri F-35: le considerazioni del Consiglio Comunale di Stazzema non muovono da un fattore semplicemente economico, che ha la sua importanza. Dire no all’acquisto degli F-35 in un momento di grande crisi economica è una scelta che non condividiamo in quanto si sceglie di destinare risorse per acquistare degli aerei da guerra, sottraendole al sociale, alla ricerca e più in generale al rilancio del nostro Paese. Auspichiamo un cambio di direzione nella nostra politica di sicurezza che non può che passare a nostro giudizio da una rinnovata politica mondiale di difesa che si basi su una più efficace diplomazia e sul dialogo”.

(Visitato 15 volte, 1 visite oggi)
TAG:
aerei cacciabombardieri f 35 kyenge militari ministro no solidarietà Stazzema

ultimo aggiornamento: 03-08-2013


Notte di controlli in Versilia: beccato un ricercato per rapina

Sciopero dei musicisti del Lirico Genovese: concerto alla Versiliana senza coro