Alessio De Giorgi lascia Mamamia e Frau Marlene e si dimette dal Friendly Versilia

Alessio De Giorgi lascia Mamamia e Frau Marlene e si dimette dal Friendly Versilia

VIAREGGIO. “Comunico di aver preso la decisione, meditata da lungo tempo, di uscire completamente dal mondo della notte e cedere le quote dei locali di cui ero socio al 50% (Mamamia, Bella ex Frau Marlene e Baddy) al mio ex compagno e socio Christian Panicucci”.

Lo scrive Alessio De Giorgi, noto imprenditore di diversi locali della notte a Torre del Lago, e di recente inserito nello staff del sindaco di Viareggio Leonardo Betti col ruolo di comunicatore. Lo scrive sulla sua pagina facebook.

“Già nell’ottobre scorso, quando dopo tre anni di divisioni decidemmo di rimetterci professionalmente insieme, avevamo previsto tale passaggio, che viene quindi in realtà solo anticipato di qualche mese rispetto alla tabella di marcia prevista. Ho preso questa decisione perché le cose cambiano, perché non ogni mestiere è adatto ad ogni fase della vita ed anche perché non mi interessa più operare in un contesto nel quale i manuali che devi consultare quotidianamente non sono più quelli di tecnica turistica, marketing o gestione aziendale ma solamente quelli di diritto amministrativo, penale e ambientale. Insieme all’incarico nello staff del Sindaco Leonardo Betti, che mi prende tantissimo tempo ma che mi appassiona moltissimo, visto l’affetto che provo per una città nella quale ho fatto imprenditoria per quasi quindici anni e che vedo disastrata e senza più forza ed orgoglio, mantengo incarichi e quote nell’altra società, la Gay.it di Pisa, editrice dell’omonimo portale, di cui però a breve cederò l’amministrazione e la direzione editoriale”.

De Giorgi lascia anche il Consorzio Friendly Versilia, che lo aveva visto protagonista fin dai primi momenti. “Comunico – scrive – anche di aver rassegnato le dimissioni dal Consiglio di Amministrazione del Consorzio Friendly Versilia, guidato dall’amica Regina Satariano cui faccio i migliori auguri di riuscire ad uscire dalla terribile crisi che sta neppure così troppo lentamente logorando quella che potrebbe ancora essere una bellissima esperienza, un fiore all’occhiello dell’Italia. La formalizzazione di questa cessione avverrà nei prossimi mesi, sia per i costi dei passaggi necessari che per la complessità dell’operazione, ma è già operativa dallo scorso sabato 3 agosto 2013.

(Visitato 171 volte, 1 visite oggi)

Aggiornato il: 05-08-2013 16:42