Da otto anni minacciata dall'ex marito: interviene la polizia - Cronaca, Cronaca Viareggio, Top news Versiliatoday.it

Da otto anni minacciata dall’ex marito: interviene la polizia

VIAREGGIO. Per fortuna sono sempre più frequenti i casi in cui le donne che subiscono maltrattamenti si rivolgono con fiducia al personale in servizio presso il Commissariato di Viareggio. Il progetto “codice Rosa”, che ha lo scopo di prevenire e contrastare il fenomeno della violenza in famiglia e sulle fasce deboli della popolazione, garantisce una rapida e concreta sinergia tra Aziende ASL, Procura della Repubblica e Forze dell’ordine, per l’immediato riconoscimento ed intervento a tutela delle persone che subiscono lesioni derivanti da maltrattamenti o da violenze commesse da terzi e l’adozione di adeguate procedure di protezione, sostegno e cure con l’attivazione dei centri antiviolenza, centri per il recupero dei soggetti maltrattanti e case rifugio.

 

Il caso di specie si riferisce a una donna che dopo aver nuovamente subito, nei giorni scorsi, minacce dall’ex marito, si è rivolta al Commissariato. Le indagini svolte hanno permesso di ricostruire una storia fatta di maltrattamenti che dura da 8 anni, ovvero da quando la donna, a causa di continui litigi e minacce subite, si era separata. Negli anni seguenti l’ex marito, pluripregiudicato per furto, lesioni personali, truffa, minacce e abbandono di animali, ha continuato a nutrire nei confronti della ex moglie sentimenti di estremo rancore, tanto da minacciarla più volte, anche di morte e picchiandola provocandole lesioni per le quali la donna è dovuta ricorrere alle cure dei sanitari.

 

La donna, nei giorni scorsi è stata nuovamente minacciata dall’ex che si è presentato sotto casa insultandola e minacciando di investirla e di dar fuoco alla casa. L’uomo, che negli anni aveva contribuito in minima parte al mantenimento dei figli è stato denunciato per omissione di assistenza familiare, maltrattamenti in famiglia e violenza privata, ed è stata contestualmente fatta richiesta all’Autorità Giudiziaria competente di emettere a suo carico provvedimento di non potersi avvicinare all’abitazione ed agli altri luoghi frequentati dalla donna.

(Visitato 27 volte, 1 visite oggi)

Aggiornato il: 24-08-2013 14:01