VIAREGGIO. La giunta comunale ha approvato oggi (giovedì 28 novembre) la manovra di assestamento generale al bilancio di previsione 2013, che sarà quindi portata in consiglio comunale come annunciato, e in linea con quanto previsto dalla legge, sabato 30 novembre.

In negativo. Sul fronte delle voci negative si registrano un milione e 400mila euro di minori entrate per Imu e fondo solidarietà comunale adeguandoli ai dati pubblicati dal Mef nel mese di novembre, 900mila euro per l’addizionale comunale Irpef, 600mila di minori proventi per violazioni al codice della strada sulla base delle proiezioni delle attività in corso, circa 700mila euro di minori entrate dal demanio portuale a seguito del passaggio della gestione dal Comune all’Autorità Portuale (compensate da 491mila euro circa di maggiori entrate, per un saldo negativo di quindi circa 226mila euro), 154.800 euro per spese legali dovute al Cav a seguito di deliberazione assembleare del 26/6/13, 151.330 euro di maggiori trasferimenti alla Società della Salute quale quota per l’assistenza domiciliare agli anziani non autosufficienti, 170mila euro per utenze relativi agli uffici comunali e 100mila di interventi urgenti sul verde pubblico, per un totale di 2.450.562,46 euro.

In positivo. Sul fronte delle voci positive, invece, vi sono, tra le maggiori entrate, 700mila euro per attività di recupero dall’evasione dell’ICI sulla base di una specifica relazione della società Viareggio Patrimonio srl, 286.850 euro di dividendi da Sea Ambiente e 69mila euro circa da Sea Risorse, 127mila euro di maggiori entrate correnti già realizzate; tra le minori spese, 900mila euro di minori interessi sui mutui, 431mila euro circa di minori trasferimenti ad Asp sulla base del consuntivo 2012, 383mila euro circa di economie sulla spesa del personale 2013, poco meno di 800mila euro di tagli su importi disponibili di spese non obbligatorie e 60mila euro circa dal fondo di riserva, per un totale, a pareggio di bilancio, di 2.450.562,46 euro.

Foto Andrea Zani
Foto Andrea Zani

La variazione di bilancio è stata già approvata in data odierna dai revisori dei conti con una dettagliata relazione che, tra l’altro, sottolinea la forte carenza di liquidità ereditata dagli anni passati, la necessità “da subito e senza ulteriori rinvii [di] riorganizzare e ristrutturare le società ed organismi partecipati, laddove si rilevino effetti negativi per la gestione dell’Ente, attraverso indirizzi stringenti per migliorare l’efficienza e consentire alla proprietà di affrontare con sufficiente tranquillità le novità che si profilano per il prossimo anno ai fini del Patto di stabilità. Il Collegio, inoltre, rileva eccessivi stanziamenti in ambito assistenziale, di beneficienza pubblica e in servizi diversi alla persone, per oltre 5,5 milioni di euro nel 2013, “con volumi di spesa che non hanno alcuna comparazione con altre realtà financo industriali alle prese con problemi di uguale o maggiore dimensione”.

Come puntualmente annunciato giorni fa abbiamo rispettato i tempi indicati dalla legge nonostante la pesantissima situazione che abbiamo ereditato e siamo speranzosi che l’opposizione in consiglio comunale, specie quella che ha lasciato la città in queste condizioni, saprà comprendere le nostre difficoltà ma anche la nostra buona volontà di voltare pagina rispetto al passato”, afferma l’assessore al bilancio Alessandro Caprili.

“Sono moderatamente soddisfatto”, commenta il sindaco Leonardo Betti. “Nonostante tutte le cassandre che speravano nel dissesto finanziario del Comune, anche annunciato sulla stampa locale, abbiamo riequilibrato il bilancio evitando ulteriori e consistenti tagli a servizi essenziali, così come ci erano stati proposti in prima battuta”.

(Visitato 15 volte, 1 visite oggi)

Al via le domeniche a teatro a Forte dei Marmi

Gabriella Golia è l’ospite di Prim’Olio Primo Vino