VIAREGGIO. “Apprendo con soddisfazione che alla Camera è stato raggiunto un accordo di maggioranza per ridefinire le questioni dei giochi come le slot machine e quella della recessione dai contratti di affitto immobiliare per le pubbliche amministrazioni e gli organi costituzionali. Secondo quell’accordo l’emendamento approvato al Senato sarà semplicemente soppresso.” Lo dichiara in una nota la senatrice viareggina Manuela Granaiola (Pd).

“Si avvia così a conclusione un brutto pasticcio, generatosi nella concitazione dei lavori parlamentari, che aveva dato vita ad una comprensibile polemica che tuttavia, almeno in parte, è stata strumentale perché, come avevo affermato, molti senatori hanno votato l’emendamento nella consapevolezza che la questione sarebbe stata comunque risolta con la definitiva approvazione della legge A.S 1058 (delega fiscale) art.14 comma 1, che sarebbe stata approvata al Senato entro il mese di Gennaio 2014. La vicenda si è risolta prima: meglio così.

“Ora, attendendo la tombale definizione della cosa, per il momento sono soddisfatta dei tempi brevissimi e dell’impegno dimostrato dal governo e dalla maggioranza per correggere la normativa ‘incriminata’. Allertata dalla recente vicenda ora attendo di conoscere meglio i termini dell’accordo sugli affitti immobiliari della pubblica amministrazione.”

(Visitato 14 volte, 1 visite oggi)
TAG:
emendamento gioco d'azzardo manuela granaiola pd senato slot machine

ultimo aggiornamento: 22-12-2013


Legge di stabilità, accolta la proposta del Psi: aumenta la pressione fiscale sul gioco d’azzardo

Mungai e l’Anci attaccano la legge di stabilità