VIAREGGIO. Oltre 500 segnalazioni al mese, con una media di 17 segnalazioni al giorno: “è un vero e proprio successo la nuova applicazione Comuni-chiamo per la segnalazione di problemi e disservizi che il Comune di Viareggio ha lanciato a novembre ed aperto al pubblico a fine dicembre”. Con questi toni trionfalistici l’amministrazione comunale di Viareggio stila un primo bilancio dell’utilizzo dell’app per la segnalazione di disservizi. La lettura dei dati, peraltro, permette una comparazione con le altre 30 città che hanno aderito alla piattaforma della software house bolognese, tra cui Bagheria, Magenta, Parma, Ragusa, Rimini e Trieste.

Le categorie delle segnalazioni. Le questioni maggiormente poste sono le strade (37%, media Comuni-chiamo 35%), illuminazione (20%, media Comuni-chiamo 19%), segnali stradali (4%, media Comuni-chiamo 5%) e rifiuti (5%, media Comuni-chiamo 9%).

Il canale delle segnalazioni. Rilevante è l’utilizzo degli smartphone per le segnalazioni: contro una media Comuni-chiamo intorno al 25%, a Viareggio le segnalazioni tramite questo canale sono intorno al 45%. Ancora bassa purtroppo le segnalazioni fatte su web senza il supporto dell’URP: sotto al 30%  a Viareggio, intorno al 40% la media Comuni-chiamo, così come le segnalazioni corredate da fotografia (quindi anche meno accurate), sotto al 10% contro una media Comuni-chiamo del 25% circa.

Tempistiche di gestione. Per quanto sia necessario avere più dati per elaborare statistiche più puntuali, si può già notare che il tempo che intercorre tra l’apertura della segnalazione da parte del cittadino e la sua chiusura sia in linea, se non lievemente migliore, con la media delle altre città su Comuni-chiamo ed oscilla intorno ai 20 giorni.: bassissimo per i rifiuti (sotto ai 5 giorni), relativamente basso per illuminazione, degrado e animali ed ancora alto per strade, segnali stradali, spazi ed edifici pubblici e acqua.

“Siamo soddisfatti di questa prima fase di avvio dell’applicazione Comuni-chiamo”, dichiara Betti. “Per quanto non sia ancora possibile il raffronto col trimestre precedente e i dati a disposizione siano tutto sommato non molti, mi pare che i viareggini abbiano ben compreso la validità di questo strumento e, piano piano, stiano imparando ad utilizzarlo al meglio.

“Nei prossimi giorni incontrerò gli uffici per affinare ulteriormente l’applicazione e soprattutto per migliorare in prospettiva i tempi di soluzione dei problemi anche se credo sia necessario, ancora una volta, sottolineare le difficoltà economiche nelle quali ci troviamo costretti a operare e che ci costringono in diversi casi a chiudere segnalazioni più per indisponibilità di risorse che per mancanza di volontà a risolverle”.

La pagina viareggina di Comuni-chiamo è rintracciabile all’indirizzo www.comuni-chiamo.com/cities/viareggio

 

(Visitato 155 volte, 1 visite oggi)

“Bisogna tornare a una certificazione di qualità della cantieristica made in Viareggio”

Va in pensione il dottor Enrico Petri, i suoi assistiti devono cambiare medico