STAZZEMA. “È un ingresso battagliero quello della lista civica che si presenta in corsa a Stazzema”, dichiara Gian Piero Lorenzoni che si candida a sindaco presentando una rinnovatissima lista “Luce a Stazzema”.

“In realtà – scrive – si tratta di una lista civica decisa a lanciare il guanto di sfida a chi ha mal condotto le sorti degli stazzemesi in questi ultimi 10 anni. La base della nuova politica sarà l’attenzione per un sociale giusto ed una iniezione di nuova linfa alle strategie di gestione del territorio. Partire dalla sua salvaguardia, sostiene Lorenzoni, significa contribuire ad uno sviluppo concreto, basato su una rigenerazione urbana e rurale sostenibile. Tutto questo sarà possibile concretizzarlo non solo con l’ottimizzazione di quelle risorse sempre più scarse nei piccoli comuni, ma soprattutto con la buona volontà e la “fabbrica di idee” che cresce di giorno in giorno nel gruppo che lo sostiene, anche ricercando risorse nei fondi comunitari pronte al nastro di partenza per il prossimo quinquennio e cercando sinergie utili per la partecipazione a EXPO’ 2015”.

“Stazzema – dice Lorenzoni – deve sfruttare queste irripetibili opportunità diventando un’eccellenza della tecnologia smart che offre servizi ai cittadini e riduce costi economici e ambientali. Punti forti del programma il riconoscimento dell’acqua bene comune e gestione pubblica dei servizi idrici, tutela dell’ambiente, inclusione dei diversamente abili, valorizzazione della scuola, della cultura, dello sport, politiche per i giovani, del volontariato sociale e non, pieno sostegno alle attività economiche ed uno strenuo impegno per il mantenimento dei servizi pubblici e tra questi il servizio postale ed una più radicata assistenza sociale e sanitaria.

E ancora la convenzione con gli istituti di credito per finanziare le piccole attività artigianali e quelle di prossimità, vero baluardo per l’occupazione ed il lavoro in montagna. Vogliamo rilanciare una necessaria politica sul turismo con adeguate politiche di marketing e sostegno alla promozione, una consistente riduzione della pressione fiscale a chi assume giovani e donne, più in generale c’è bisogno di rafforzare l’immagine di Stazzema comune

slow.

Sono solo tre, fra i 13 candidati, fanno parte dell’amministrazione uscente, gli altri rappresentano un’ampia espressione della società civile e non hanno mai fatto parte di un consiglio comunale. Insieme a Lorenzoni Gian Piero ci sono Barsi Irene, Bertellotti Simone, Cardini Simona, Canci Federica, Cecconi Roberto, Mattei Patrizio, Poli Federico, Poli Giuseppe, Rossi Simone, Salvatori Manuele, Staccioli Marina e Stagi Baldino.

“Impegno cruciale se vinceremo le elezioni sarà quello di ridurre al massimo le tasse ai cittadini attraverso l’attuazione di una rigorosa spending review con una gestione oculata delle spese, eliminando quelle inutili o superflue, e partiremo dalla riduzione delle indennità degli amministratori e eliminando i rimborsi spese e di rappresentanza, dimagrendo e di molto anche i benefit ed i super stipendi al dirigenti, e i risparmi saranno destinati al sostegno del lavoro per i giovani, dunque uno dei nostri slogan sarà: un comune meno costoso e più efficiente”.

“Infine – conclude il candidato che sfiderà Maurizio Verona – siamo pronti ad approvare un codice etico destinato agli amministratori pubblici che contenga regole di condotta e di comportamento finalizzate a ripristinare la trasparenza e la legalità all’interno del “palazzo comunale””.

(Visitato 430 volte, 1 visite oggi)

Elezioni Stazzema, sfida a due tra Maurizio Verona e Gian Piero Lorenzoni

Noi per Massarosa: “Scuola, aggregazione giovanile e sicurezza le priorità”