VIAREGGIO. “Con la presente interrogazione chiedo al sindaco e all’assessore alla cultura se sono a conoscenza del fatto che esiste già un direttore per il museo Gamc di Palazzo delle Muse”. Lo scrive Alessandro Santini, consigliere comunale di Forza Italia.

“Chiedo quindi di sapere perché dobbiamo discutere e perdere tempo in Commissione Cultura per un nuovo regolamento che prevede un nuovo direttore della Gamc quando invece ce n’è già uno – sì, un direttore che svolge già la sua attività in piena funzione come si può ben vedere nelle pubblicazioni ufficiali e nei cataloghi delle mostre svolte nel nostro Museo d’Arte Moderna di Piazza Mazzini.

“Già, la dottoressa Alessandra Belluomini Pucci si firma sui cataloghi e pubblicazioni ufficiali della Gamc come direttore. Eppure nell’organigramma del Comune di Viareggio non è contemplata la figura del direttore della Gamc.
Come è possibile tutto ciò? Com’è possibile che un semplice funzionario del Settore Cultura si possa auto nominare ed incoronare direttore del Museo di Palazzo delle Muse?

“È prassi normale che un funzionario, sicuramente esperto e competente, si possa autonomamente arrogare il titolo di direttore del museo? La dottoressa Belluomini Pucci si è autoproclamata o lo ha fatto con l’imprimatur del sindaco Betti e dell’assessore Dal Pino? Sindaco e assessore ne erano a conoscenza? Non si ravvisa forse appropriazione indebita di titolo professionale? Cosa intende fare il sindaco e l’assessore?

“Non è che il nuovo regolamento che deve essere portato in discussione e in approvazione in Commissione Cultura servirà apposta per tamponare e tappare questa situazione scomoda e poco corretta? Questo nuovo regolamento, che guarda caso non prevede bando pubblico, non sarà mica stato escogitato appositamente per sanare la posizione della dottoressa Belluomini?

“Non sarà mica un regolamento fatto appositamente per accontentare la autonominata direttrice? Un regolamento quindi che serve a consacrare la dottoressa come direttore della Gamc senza neppure passare dal via, come a Monopoli, e dalla regolarità che può provenire unicamente da un regolare bando pubblico, alla faccia dei cittadini onesti? Sarà bene che si proceda con un regolare bando pubblico, al quale giustamente può e deve partecipare anche la dottoressa Belluomini.

“Alla presente interrogazione desidero ricevere precisa e puntuale risposta scritta”.

(Visitato 118 volte, 1 visite oggi)

De Giorgi al concerto Pausini: “Quanta gente: sembra il gay pride”

“Niente di meglio da fare che guardare i miei post?”