VIAREGGIO. “Il Movimento dei Cittadini, attraverso il capogruppo in consiglio comunale Massimiliano Baldini e del sottoscritto a nome del direttivo, prende atto con apprezzamento che gli organi del Pd in merito alla vicenda Viareggio Porto SpA hanno sposato la linea legalitaria da noi sempre sostenuta. Riteniamo dunque che l’assessore Giannerini, che da mesi va con forza sostenendo la sua posizione, di fatto sfiduciato dal suo stesso partito, dovrebbe fare un passo indietro e meditare senza indugio le sue dimissioni”. Lo scrive Gabriele Chelini, coordinatore del Movimento dei Cittadini.

“Come il sottoscritto ebbe modo di contestare all’assessore Giannerini durante una commissione attività produttive tenutasi giorni fa presso la Viareggio Porto Spa, la stessa società è di fatto in liquidazione e come già comunicato attraverso la stampa immediatamente terminata la seduta della commissione, l’assessore Giannerini, il presidente di Commissione Favilla e l’amministratore delegato Frosini, sostenendo la tesi dell’acquisizione dal comune del vecchio mercato, agirebbero palesemente in violazione della legge.

“Ripatrimonializzarla attraverso la cessione dal Comune del mercato ittico, banchina inclusa, creerebbe di fatto un depauperamento del patrimonio comunale che in questo momento di dissesto è assolutamente fuori discussione. Ci auguriamo che questa situazione di conclamata sfiducia, induca l’assessore a riflettere sulle conseguenze politiche che un tale atto proveniente dal suo stesso partito, che sono solo ed esclusivamente le dimissioni come atto opportuno e dovuto”.

(Visitato 42 volte, 1 visite oggi)

Camaiore, già installata l’altelena per disabili al parco Papa Giovanni XXIII

Parte dalle spiagge di Lido di Camaiore la lotta all’abusivismo commerciale