Biciclette vietate sulla passerella del molo. BiciAmici: "Provvedimento assurdo" - associazionismo, Cronaca, Cronaca Viareggio, La voce degli Enti Versiliatoday.it

Biciclette vietate sulla passerella del molo. BiciAmici: “Provvedimento assurdo”

VIAREGGIO. Non sarà più consentito l’attraversamento in bicicletta sulla passerella pedonale del molo. O meglio: sarà sì consentito, ma solo portando la bici a mano. A stabilirlo è un’ordinanza dello scorso 2 ottobre emanata dall’Autorità Portuale regionale. Un’ordinanza che ha già suscitato le prime polemiche.

Soprattutto da parte dell’associazione Fiab Versilia Biciamici che esprime “forte preoccupazione e contrarietà per un divieto che, se applicato, arrecherebbe un grave danno alla mobilità sostenibile in Viareggio.

“Le motivazioni di un provvedimento inteso a garantire ‘una circolazione compatibile con la tipologia strutturale del fondo sistemato come elemento di arredo urbano’ e ad agevolare ‘il passaggio pedonale fra le due sponde del canale’ ci paiono francamente assurde – i materiali vanno scelti anche secondo criteri di efficienza ed economicità, non solo estetici -, anacronistiche – i ciclisti usano la bicicletta per spostarsi, non solo per passatempo – e in forte contrasto con l’originaria destinazione della passerella, concepita anche come prosecuzione in direzione sud della ciclabile che corre sul lungomare – il famoso tracciato della ciclovia Tirrenica individuato dalla Regione Toscana. Tanto più in un frangente in cui, data la chiusura del ponte girante e la predisposizione di una passerella di emergenza non ciclabile, la circolazione delle biciclette risulta già fortemente penalizzata.

“Non vorremmo, infatti, che fossero gli utenti a pagare le conseguenze di una errata progettazione o esecuzione dei lavori.

“Infine, per quanto riguarda l’eventuale conflitto con i pedoni – sul quale non risulta casistica di pubblico dominio -, suggeriamo che una prima soluzione debba essere cercata nel dividere i flussi mediante una opportuna colorazione a terra.

“Certi che vorrà prendere in seria considerazione le nostre osservazioni, gradiremmo prendere visione del provvedimento emanato e concordare un incontro con un vostro responsabile”, prosegue BiciAmici rivolgendosi direttamente all’ingegner Fabrizio Morelli, segretario generale dell’Autorità Portuale. “Restiamo quindi in attesa di un suo gentile riscontro, riservandoci, nell’eventualità, di intraprendere tutte le azioni necessarie a tutelare l’utenza ciclistica e la cittadinanza”.

(Visitato 82 volte, 1 visite oggi)

Aggiornato il: 07-10-2014 17:15