VIAREGGIO. “Il piano delle funzioni è uno strumento di cui Viareggio non può più fare a meno”.

Confcommercio province di Lucca e Massa Carrara torna con forza a sostenere la necessità di collaborare per la realizzazione di un progetto rivolto allo sviluppo ordinato e funzionale della città, con un rapporto mirato tra componente commerciale ed urbanistica.

“Tale piano dovrebbe concretizzare la strategia attraverso cui ripensare le varie aree della città in maniera coerente, un’integrazione tra le diverse funzioni commerciali, direzionali e sociali in modo da ottimizzare ognuna di esse.

Ci sono zone di Viareggio che hanno delle peculiarità uniche, sia da un punto di vista architettonico che di tradizione commerciale ed è opportuno tutelare queste caratteristiche, adeguando ad esse la presenza delle nuove attività commerciali.

E’ naturale che il pensiero vada a piazza Cavour ed alla Passeggiata, che sono i centri commerciali naturali più conosciuti, ma questo ragionamento investe tutte le zone di destinazione commerciale, reale o potenziale.

Un armonioso rapporto tra urbanistica ed imprenditoria porta con sé un maggior decoro e consente uno sviluppo coerente del tessuto economico cittadino, riuscendo ad abbinare ai vari spazi cittadini attività che ne rispecchino in pieno la storia ed il vissuto.

Non c’è bisogno di riesumare la commissione di gradimento merceologico, che governava il Mercato, ma un centro a vocazione prettamente turistica come Viareggio ha comunque bisogno di razionalizzare l’offerta commerciale per dare un nuovo slancio a tutta la città.

Per questi motivi sollecitiamo la nuova amministrazione comunale a convocare quanto prima un tavolo di lavoro con le associazioni di categoria, in modo da cominciare a stendere congiuntamente le linee guida di un piano delle funzioni ormai non più differibile”.

(Visitato 58 volte, 1 visite oggi)

“Camaiore tirata a lucido solo quando c’è il FestivalGaber”. Lari (ConfCommercio) tira le orecchie al Comune

“La movida non è solo sballo fuori controllo, ingiusto demonizzare tutti i locali”