VIAREGGIO. Sono state approvate dal consiglio comunale due delibere di indirizzo che prevedono lo spacchettamento della Viareggio Patrimonio. La prima concerne il fatto che i servizi tornino al Comune: in particolare il Sit, l’illuminazione pubblica, la gestione degli impianti sportivi, nonché la gestione del complesso Principe di Piemonte.

“Prima di tutto è stata sfatata ogni problematica riguardante eventuali responsabilità per i consiglieri comunali, in quanto si tratta esclusivamente del trasferimento, quindi del riappropriarsi di servizi, pertanto di mero godimento e di possesso”, scrive l’amministrazione comunale in una nota. “Nessun trasferimento della proprietà, nessuna distrazione di beni, nessun pericolo di bancarotta fraudolenta, tanto paventata da più parti”.

Nonostante non fosse all’ordine del giorno, l’amministrazione ha preso atto dell’istanza di autofallimento depositata il 31 agosto dal liquidatore con l’indicazione di intraprendere tutti gli atti necessari in proposito.

foto VersiliaToday
foto VersiliaToday

“Nessun dubbio  sul fatto che la strada della procedura fallimentare fosse la più corretta giuridicamente non solo perché detto dal liquidatore Marchi ma perché Marchi stesso si è trovato in una situazione incancrenita, definita ‘catastrofica’ dal precedente liquidatore Bicchi, dal commissario prefettizio ancora prima nella delibera di messa in liquidazione, e mesi ancor prima dall’amministratore delegato Ruglioni, che, addirittura, minacciò di depositare lui stesso i libri in tribunale per poi rivolgersi alla corte dei conti”, ha detto il sindaco Giorgio Del Ghingaro.

“Assolutamente da contrastare la tesi che sarebbe stato meglio presentare un concordato preventivo in quanto si rischiava di commettere il cosiddetto ‘abuso dello strumento concordatario’, che prevede, appunto, non si debba attendere o demandare la decisione ad altri, quando si ha ormai la strada segnata”. Fugati, infine, anche i dubbi sulla possibilità del contratto del comodato gratuito, indicato più volte come l’unica strada percorribile anche dal commissario Tommasino.

All’accusa secondo la quale il liquidatore Marchi avrebbe agito secondo indirizzi dati dall’amministrazione il sindaco ha replicato che “il ruolo del liquidatore è assolutamente di grande autonomia e di responsabilità: se così non fosse viene da chiedersi quale indicazione politica potrebbe aver seguito il liquidatore Bicchi nominato dal commissario che, a suo tempo, si espresse in altrettanto e forse più grave modo?”. L’altra delibera riguardava, invece, l’emergenza abitativa, anche in questo caso si è dato un atto di indirizzo.

giorgio del ghingaroSono adesso allo studio gli atti per andare oltre: si parla di trasferimento alle partecipate di alcuni servizi, in particolare Sit e illuminazione pubblica. Si tratterà di un trasferimento temporaneo in attesa di assegnarli tramite gara. Allo stesso modo, saranno messe a gara le gestioni degli impianti sportivi nella massima trasparenza e nel rispetto delle norme.

Nel pomeriggio, la giunta ha immediatamente deliberato gli atti esecutivi alle delibere di indirizzo passate in consiglio e già da domani sarà al lavoro in stretto rapporto con il liquidatore Marco Marchi, per predisporre gli atti necessari in attesa della sentenza sulla fallibilità o meno della Viareggio Patrimonio.

“Nel caso in cui dovesse intervenire il fallimento, ovviamente ci sarà l’esercizio provvisorio, quindi, nessuna interruzione brutale”, aggiunge il sindaco. “Compito dell’amministrazione è fare tutto il possibile sia per mantenere i servizi che per salvaguardare i posti di lavoro. In questi anni si è fatto finta che la situazione non fosse così grave e si ballava col funerale alle porte: Viareggio non può più permettersi di aspettare. Dobbiamo fare luce e dire ai cittadini la verità. La situazione è chiara: ne abbiamo preso atto, adesso andiamo avanti”.

(Visitato 100 volte, 1 visite oggi)

Stefano Pasquinucci: “Ecco perché sono uscito dalla maggioranza”

Strage di Viareggio, a Roma con i famigliari delle vittime ci sarà anche il Comune