MASSA. Bocciatura senza appello per il Viareggio di coppa. Un lampo isolato, al 21′. Prima e dopo, il buio. Le motivazioni incidono, la Massese ne aveva da vendere. La squadra di Pierini no. O almeno, se le aveva, nessuno se n’è accorto.

Se a Montecatini dagli spogliatoi erano rientrati undici giocatori col fuoco dentro, all’ombra delle Apuane di furore agonistico nemmeno l’ombra. I bianconeri di casa festeggiano con un successo – e la qualificazione al turno successivo – il debutto sulla panchina di Tazzioli.

Al contrario il Viareggio, con una formazione completamente rivoluzionata rispetto a domenica, non ha fornito le risposte che il tecnico cercava. Chi in campionato aveva giocato meno, poco ha combinato per far ricredere Pierini in ottica futura.

Eppure le zebre il vantaggio lo avevano trovato a metà primo tempo, con Bruzzi a segno su cross dalla destra di Morbidelli (azione avviata da Chimenti). Un tocco sporco ma efficace, ottimo per ritrovare morale dopo il lungo stop. Gli ospiti però non hanno dato seguito a quell’accecante bagliore. Sono ricomparsi quegli svarioni difensivi che tanto erano costati in avvio di stagione.

Il pareggio della Massese è opera di Falchini, che di testa tramuta in oro la punizione di Chianese. Biggeri prima accenna l’uscita, poi torna verso la propria porta. Ormai, però, è troppo tardi, resta a metà strada e viene infilato.

Il peggio il Viareggio lo mostra in avvio di ripresa. Morbidelli si fa scippare palla dal neoentrato Surace, che senza pensarci troppo su con una velenosa conclusione da fuori ribalta il risultato. Sei minuti e la Massese si porta addirittura sul 3-1, con Zambarda che pennella da sinistra, Falchini di testa nel cuore nell’area non perdona. Doppietta per l’attaccante.

Pierini risparmia i titolari, dà spazio ai giovani Salusti e Mattei, constatando amaramente che il destino delle zebre, in coppa, è segnato. Non fanno troppo rumore le espulsioni di Rosaia e Fiale (il capitano fuori per doppia ammonizione). Bruzzi nel finale cestina una ghiotta chance per riaprire i conti. Meglio archiviare in fretta un ko doloroso sì, ma solo per chi nella coppa puntava qualcosa. Domenica in campionato a Gualdo la storia dovrà essere ben diversa.

MASSESE-VIAREGGIO 3-1

MASSESE (4-4-2): Barsottini; Cecchetti, Milianti, Parenti, Zambarda; Remorini, Rosaia, Ferrante (1′ st Surace), Diouf; Falchini (11′ st Granito), Chianese (25′ st Mannucci). All. Tazzioli.

VIAREGGIO (4-3-3): Biggeri; Chimenti (34′ st Mattei), Fiale, Diana, Cornacchia; Morbidelli, Gorelli, Minichino (4′ st Salusti); Bartolini, Rubino (6′ pt Gjyli), Bruzzi. All. Pierini.

Arbitro: Tedesco di Pisa.

Reti: 21′ pt Bruzzi, 37′ pt Falchini, 2′ st Surace, 8′ st Falchini.

Note: espulsi Rosaia (Massese) al 26′ st e Fiale (Viareggio) al 30′ st. Ammoniti Cecchetti, Zambarda (Massese), Morbidelli (Viareggio). Angoli 7-1. Recuperi 1′ pt, 3′ st.

(Visitato 386 volte, 1 visite oggi)
TAG:
calcio massese viareggio

ultimo aggiornamento: 28-10-2015


Per il Viareggio derby di coppa con la Massese

Pioggia di medaglie per la nazionale di karate del ct viareggino Gasperini