VIAREGGIO. Alle prime ore dell’alba i militari della Compagnia di Viareggio, congiuntamente a quelli di Brescia e ad un’unità del Nucleo Cinofili di Pisa, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP presso il Tribunale di Lucca nei confronti di sette soggetti a vario titolo ritenuti responsabili di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. Il GIP, valutando positivamente quanto prospettato dalla Procura della Repubblica di Lucca, ha accolto le richieste disponendo le seguenti misure cautelari: due ordinanze di Custodia Cautelare in Carcere, quattro Ordinanze di Custodia Cautelare agli Arresti domiciliari e una  misura Cautelari dell’Obbligo di Firma con obbligo di non uscire dal Comune di residenza.per la cui esecuzione è stata delegata l’Arma dei Carabinieri che, tramite il Nucleo Operativo della Compagnia di Viareggio, ha condotto le indagini.

I particolari dell’operazione, denominata “Fantasmi”, verranno illustrati oggi nel corso di una conferenza stampa che si terrà alle 11 nella sala stampa della Compagnia Carabinieri di Viareggio.
Questi i dettagli, dopo la conferenza (ore 12,13)

Nella giornata odierna, alle prime luci del mattino, in Viareggio (LU), Brescia, Lido di Camaiore (LU) e Massarosa (LU), militari del Nucleo Operativo della Compagnia di Viareggio, supportati da personale della Compagnia Carabinieri di Viareggio e da quella di Brescia e da 2 unità dei Nuclei Cinofili di Pisa, hanno eseguito un’Ordinanza di Custodia Cautelare emessa dal GIP presso il Tribunale di Lucca, Dr.ssa Silvia MUGNAINI, su richiesta del Sostituto Procuratore della Repubblica dr Elena LEONE, nei confronti di 07 soggetti.
L’attività in questione rappresenta l’esito di una complessa e articolata attività d’indagine iniziata dai Carabinieri del Nucleo Operativo di Viareggio nell’aprile del 2015 e che ha consentito in breve tempo di individuare l’esistenza di un sodalizio criminale, composto da insospettabili cittadini Italiani, Tunisini e Marocchini, dedito ad un consistente traffico di sostanze stupefacenti prevalentemente del tipo hashish e marijuana.

La denominazione “FANTASMI” trae proprio origine dalla peculiarità che accumuna quasi tutti gli indagati che sono risultati essere prevalentemente privi di rilevanti precedenti penali e tutti impiegati in regolari attività lavorative. Proprio queste caratteristiche hanno consentito loro di svolgere con relativa tranquillità le attività illegali per molti anni.
L’indagine trae origine dall’arresto in flagranza di reato di un soggetto avvenuto in Viareggio in data 16.04.2015 per detenzione di sostanza stupefacente del tipo hashish e marijuana in quanto trovato in possesso di panetti di hashish per un peso complessivo di 2,9 kg nonché di 160 gr di marijuana, materiale per il confezionamento dello stupefacente e € 2.950,00.
Quell’iniziale attività ha consentito di risalire ad un fornitore di nazionalità marocchina nei confronti del quale è stata avviata un’attività di intercettazione telefonica che ha permesso di identificare altri soggetti Italiani che si rifornivano dal citato cittadino Marocchino svolgendo a loro volta attività di spaccio autonomo.

Nel corso dell’indagine veniva individuato un soggetto Italiano residente a Brescia il quale era solito trasportare la sostanza stupefacente da Brescia a Viareggio nascondendola in involucri sotto vuoto occultati in confezioni originariamente contenenti detersivo per lavastoviglie abilmente richiuse come se fossero state appena acquistate.

L’organizzazione criminale, che aveva la propria base operativa tra Viareggio e Torre del Lago, era divenuta nel tempo punto di riferimento costante di numerosi consumatori che si rifornivano almeno con cadenza settimanale da più di 2 anni.
Nel complesso l’attività di indagine ha permesso di monitorare il traffico di 12 kg di hashish e di 8 kg di marjuana e di sequestrare 7,30 kg di hashish, 1,90 kg di marijuana, 1 gr di cocaina e € 4.200,00 provento dell’attività delittuosa.

(Visitato 1.461 volte, 1 visite oggi)
TAG:
brescia viareggio

ultimo aggiornamento: 12-11-2015


Colpo da mille euro alla Pam

Balneari al lavoro per scongiurare le aste