VIAREGGIO. “Leggiamo il comunicato del sindaco Giorgio Del Ghingaro sulla vicenda del Principino e restiamo basiti: il Pd era disponibile a votare la delibera nonostante vari vizi di metodo e forma”. Lo affermano in una nota i consiglieri comunali del Pd Antonio Batistini, Elisa Montaresi e Luca Poletti.

“Siamo di fronte, è bene che si sappia, a questo tipo di atteggiamento: delibere portate in commissione all’ultimo minuto, impossibilità di presentare modifiche e se non voti e ‘applaudi’ sei contro i lavoratori. Lo troviamo un metodo sbagliato e inaccettabile se si vuole veramente ottenere il contributo di tutti.

“Sulla delibera del Principino abbiamo proposto un emendamento che aveva anche il parere favorevole del segretario, per consentire anche a noi di votare a favore, ma è stato respinto. Abbiamo detto in sede di dichiarazione di voto che c’è il nostro sostegno all’azione della curatela per tentare la strada, se pur difficile visti i contenuti del bando, dell’affidamento della gestione e della salvaguardia dell’occupazione a seguito anche degli accordi raggiunti in Prefettura con i sindacati. Quindi cosa vuole il sindaco?

“Lo stesso sindaco continua a fare un po’ lo spaccone, ma non si è reso conto che la delibera è stata votata da 12 consiglieri quando la maggioranza ne dovrebbe contare 16. Quindi su temi di interesse generale e di una certa importanza consigliamo, al primo cittadino, un atteggiamento più istituzionale e meno da tifoso”.

(Visitato 89 volte, 1 visite oggi)
TAG:
delibera pd principino viareggio versilia congressi

ultimo aggiornamento: 26-11-2015


“Le agende chiuse negano ai cittadini il diritto alla salute”

“Con la sentenza sulla Perla del Bosco vince la legalità”