VIAREGGIO. Avrebbero preferito rimanere fermi ai box per questa prima domenica di Carnevale. E invece, tra diplomazia e malumore, anche i carristi sono scesi in campo sfidando pioggia e vento.

“Capisco il desiderio di uscire visto il pubblico numeroso sui viali a mare – ha commentato Edoardo Ceragioli – ma non c’è stata la sensibilità di capire le nostre problematiche e la nostra posizione. Lo spettacolo che abbiamo regalato al pubblico è a metà, il carro non ha lavorato a pieno, la pioggia appesantisce i movimenti e temiamo le raffiche di vento”.

Anche i costruttori dei carri piccoli, questa mattina, nel corso della riunione con i vertici della Fondazione Carnevale non hanno appoggiato la decisione del Commissario, Stefano Pozzoli di fare questo primo corso nonostante Giove Pluvio sembrasse non dare tregua.

“Stamattina non volevo uscire – racconta Jacopo Allegrucci – il debutto con il tempo brutto non è certo dei migliori. Il commissario Pozzoli ci ha creduto e devo dire che l’ha indovinata, per buona parte del corso non ha piovuto. Purtroppo però un corso senza maschere è un corso triste. Speriamo di vederle la prossima domenica”.

Oltre allo spettacolo a metà e ai pochi figuranti sui viali a mare, quello che più non convinceva i carristi era la mancanza di sicurezza in caso di pioggia e soprattutto di vento forte.

“Sfilare è stato un rischio – spiega Luciano Tomei – ma la Fondazione ha deciso di provarci lo stesso e abbiamo rispettato la loro volontà”.

Dello stesso parere Emilio Cinquini. “Ci siamo mossi con moderazione e occhio per la sicurezza. Non eravamo d’accordo ma ha fatto tutto il signor Pozzoli che è il padrone del Carnevale.

 

 

(Visitato 278 volte, 1 visite oggi)
TAG:
carnevale 2016 maltempo pioggia polemiche primo corso seconda categoria

ultimo aggiornamento: 07-02-2016


Carnevale 2016, dal primo corso 118mila euro d’incasso

Rissa tra bande al Carnevale, giovane ne esce col naso rotto