VIAREGGIO. Nel pomeriggio di ieri due cittadini albanesi, nati in Albania e residenti in Italia senza fissa dimora, sono stati tratti in arresto nei pressi del quartere Campo d’Aviazione per resistenza, violenza e lesioni a P.U.
L’arresto si inserisce nel quadro delle operazioni di polizia tese al contrasto dei reati predatori. Il personale della squadra volante del Commissariato Viareggio, dietro segnalazione della SO , è infatti, intervenuto presso un edificio sito in Via dei Partigiani, dove alcuni dei condomini hanno segnalato la presenza sospetta dei due soggetti , che si aggiravano immotivatamente lungo il perimetro del cortile scrutandone gli accessi. In realtà , i due erano già stati avvistati nell’edificio il 13 gennaio , sempre con lo stesso atteggiamento, giorno in cui nel pomeriggio si era , poi, consumato un furto proprio in una delle abitazioni del condominio in oggetto.
Intervenuta sul posto, la volante del Commissariato ha avvicinato i due con l’intento di identificarli, ma in quel momento i soggetti si sono dati alla fuga. Gli uomini della volante Viareggio tre li hanno , però, rincorsi e bloccati con non poca difficoltà. Infatti , mentre tentavano di ammanettare di uno dei due , questo ha colpito con una ginocchiata alla spalla destra uno degli uomini della volante. L’altro che continuava a darsi alla fuga, invece, vedendosi bloccato tra due auto in sosta, ha caricato con ferocia una ginocchiata alla coscia e al ginocchio di un altro dei due agenti.
I due aggressori sono stati arrestati e condotti presso gli uffici del Commissariato ed oggi saranno sottoposti a giudizio per direttissima. Dalla perquisizione effettuata è emerso che i due possedevano guanti da giardinaggio e una torcia, segno che probabilmente la loro presenza sul luogo era finalizzata ad un sopralluogo per futuri furti.

(Visitato 1.354 volte, 1 visite oggi)
TAG:
furto ladri polizia poliziotti volante

ultimo aggiornamento: 11-02-2016


Furti alle autovetture in sosta. Avviso a alpinisti e soci Cai

“Einstein aveva ragione”, anche un versiliese nel team della scoperta del secolo