Una dieta sana contribuisce a superare molti problemi di fertilità

Che i problemi di fertilità quel che si mangia potesse influenzare la fertilità era cosa che la tradizione popolare già sapeva. Chi non ricorda le vecchie storie sulla birra, il pompelmo, le posizioni ecc che circolavano nella antica, ma in fondo sempre saggia, medicina popolare.

Questa tradizione è oggi rivalutata, anzi quasi confermata, da numerose Ricerche una, italiana, recentemente presentata al Meeting annuale della European Society of Human Reproduction and Embryology.

Lo Studio ha valutato ben oltre un migliaio di soggetti, suddividendoli in soggetti fertili (quelli con prole recente, nei precedenti 12 mesi) ed infertili (quelli senza prole, nonostante rapporti non protetti, nel corso sempre di 12 mesi).

il contraccettivo perfettoIn questi due gruppi le differenze nelle abitudini alimentari sono apparse staticamente piuttosto rilevanti: negli uomini fertili il 44% consumava più di cinque porzioni di vegetali al giorno, contro il 34% degli infertili; i fertili inoltre consumavano più uova rispetto alle persone con problemi a concepire; nessuna differenza è stata invece segnalata nei differenti consumi di cereali, carne e pesce.

Altro dato interessante osservato era l’effetto negativo del consumo di grassi artificiali saturi che, come peraltro era già universalmente noto, diminuiscono in modo significativo la fertilità aumentando le infiammazioni e i problemi all’ovulazione, alla fertilizzazione degli ovociti e allo sviluppo iniziale dell’embrione.

Diversi studi avevano già dato indicazioni precise ad utilizzare grassi naturali, mono o polinsaturi che hanno invece effetti positivi sulla fertilità perché riducono i processi infiammatori e la presenza di quote eccessive di colesterolo, non utile alla produzione di alcuni ormoni.

I primi, i “cattivi” acidi grassi saturi, si riscontrano nella quasi totalità della componente grassa dei tessuti animali. Sono, cioè, i grassi della carne e derivati, ma anche del latte e derivati (cioè burro e formaggi) e lo strutto. Peraltroe se ne possono trovare anche in vegetali come gli olio di cocco e di semi di palma;

I “buoni” acidi grassi saturi li troviamo, invece, negli olii di oliva, arachidi, avocado, mais, girasole, soia, ecc.

Anche Il peso corporeo può avere un ruolo importante nella fertilità: circa il 12% delle infertilità dipende da eccessivo peso ponderale o magrezza nella donna (ma anche nel maschietto).

Altra osservazione interessante, emersa sempre nello studio in questione, è che tra i soggetti fertili, sia uomini che donne, vi era una più alta percentuale di non fumatori e di moderati consumatori di bevande alcooliche.

Insomma tutto sembrerebbe confermare come La nostra, oramai celebre, DIETA MEDITERRANEA sia anche in questo campo la migliore.

Non è il caso, quindi, di rimpinzarsi di integratori multivitaminici o multiminerali (a meno che non vi siano carenze reali, evidenziate dal Medico), a migliorar le cose basta seguire la classica alimentazione mediterranea, ricca di verdure e frutta fresche (il più possibile prive di pesticidi e sostanze chimiche) riducendo quegli alimenti, soprattutto animali,  che fanno accumulare nell’organismo radicali liberi che hanno un’azione tossica su cellule così delicate come quelle del sistema riproduttivo (ovuli e spermatozoi).

Sì allora a tutti gli alimenti che ne sono ricchi: oltre alle ‘solite’ frutta e verdura, sulla tavola non dovranno mancare olio extravergine di oliva, legumi e (in quantità moderata…) uova. Così facendo daremo un piccolo aiutino alla… CULLA!

 

 

L’AFORISMA

(che oggi, – CARNEVALE! – non poteva che esser una barzelletta\freddura…) DEL GIORNO:  “Un tale va dall’andrologo per analisi sulla fertilità. Il dottore gli dà una provetta dicendogli di andare a casa e di riempirla di sperma. L’indomani l’uomo torna dal dottore tutto sconvolto e esclama: “Dottò! Ho fatto come lei mi ha detto, tornato a casa sono andato in bagno, ed ho provato con la mano destra… niente… allora ho provato con la sinistra… ancora niente! Allora ho chiamato mia moglie, ha provato lei con la destra… niente… con la sinistra… niente… le ho detto di provare con la bocca… niente…! Allora disperati abbiamo deciso di chiedere aiuto alla nostra cameriera filippina, le lascio immaginare l’imbarazzo, e lei ha accettato di aiutarci. Ha provato con la destra… niente… ha provato con la sinistra… niente… è arrivata a provare con la bocca anche lei… niente… disperate mia moglie e la filippina ci hanno provato insieme… niente!!! Dottò ma come cavolo si apre ‘sta provetta?!

BUON DIVERTIMENTO AL CARNEVALE DI VIAREGGIO!

(Visitato 266 volte, 1 visite oggi)
TAG:
da uomo a uomo luca lunardini problemi di fertilità sesso e cibo

ultimo aggiornamento: 23-02-2016


Egisto Olivi ospite a sorpresa di Canzonissima di Carnevale

Furti sulle auto davanti le scuole; i genitori: “Tenderemo una trappola al ladro”