"Niente servizio ai tavoli e tassa sui rifiuti equiparata ai ristoranti" - Comune Massarosa, COMUNI, La voce degli Enti, Politica, Politica Massarosa Versiliatoday.it

“Niente servizio ai tavoli e tassa sui rifiuti equiparata ai ristoranti”

I ristoratori di Massarosa propongono modifiche al regolamento sulle sagre

MASSAROSA. Equiparazione della tassa sui rifiuti, per sagre e ristoranti. Se le sagre fanno in tutto e per tutto il servizio di ristorazione non si vede perché debbano poi di benefici sulla Tari. Per cui o i ristoranti pagano meno, o le sagre pagano di più. Questa una delle proposte lanciate dall’ARA, l’associazione di albergatori e ristoratori di Massarosa e da Confcommercio per modificare il regolamento che l’amministrazione si appresta a varare e che regola sagre e feste delle associazioni.

Tra i punti proposti da Ara – sostenuta da Confcommercio – che a poter chiedere di organizzare una nuova sagra possano essere solo associazioni che svolgono la loro funzione sul territorio da almeno due anni, per evitare che qualcuno decida di costituire una nuova associazione solo per organizzare una sagra e fare cassa.

Visto che il regolamento prevede che, oltre ai giorni di sagra, le associazioni possano anche organizzare ulteriori 9 giorni di festeggiamenti (3 richieste da 3 giorni), l’Ara chiede che, tra festa e sagra, passino almeno 30 giorni evitando tra l’altro l’allungamento di fatto della manifestazione.

Per Ara va anche fissato il numero massimo di sagre che non devono essere più di 14 (che poi sono le attuali) e che rimanga bloccato per almeno 5 anni. Per Ara da fissare anche in 12 i giorni per la durata massima di ogni sagra.
Ara punta anche sul servizio al tavolo che, secondo l’associazione, non deve esistere alla sagra (e che invece, da sempre, viene svolto). Niente lista dei vini per le sagre, ma solo “bianco” e “rosso”.

Poi il punto caldo, appunto.”SI CHIEDE – scrive Ara – CHE DURANTE IL PERIODO DI CALENDARIZZAZZIONE DELLE SAGRE (1 APR – 31 OTT), IL CALCOLO PER IL PAGAMENTO DELLA TASSA SUI RIFIUTI SIA LO STESSO (nei modi e nei termini) PER RISTORANTI E SAGRE COME MISURA CHE VADA INCONTRO ALLE ATTIVITà ECONOMICHE”.
Infine per i ristoratori le sagre, specie nei periodi di non-sagra, dovrebbero evitare di organizzare banchetti, matrimoni, battesimi e cerimonie varie.

(Visitato 423 volte, 1 visite oggi)

Aggiornato il: 03-03-2016 16:30