La pluri-decennale caccia al pillolo maschile è forse a una svolta epocale. Ricercatori e scienziati americani (specificatamente del Minnesota) sono riusciti ad elaborare alcune modifiche ad alcuni composti sperimentali, che sembrerebbero dare risultati migliori rispetto a quelli testati sino ad oggi.

Quando sarà in commercio il Pillolo maschile?

Sempre più vicini all’uscita in commercio del “pillolo” maschile. Ne parlavamo già a Gennaio nella puntata 118 “Il contraccettivo perfetto, rivoluzione in arrivo”, ma, forse, stavolta potrebbe essere davvero la volta buona grazie alla individuazione di un nuovo piccolo, ma particolarmente promettente, gruppo di molecole che potrebbero aprire la via per la definitiva realizzazione del contraccettivo maschile.
Sino ad oggi sono molte le aziende farmaceutiche hanno studiato e proposto dei contraccettivi maschili sperimentali. La combinazione classica prevede, in genere, l’uso di DUE ORMONI, UN PROGESTINICO E IL TESTOSTERONE: IL PRIMO BLOCCA LA PRODUZIONE DI SPERMAZIO, IL SECONDO PROTEGGE LA LIBIDO. La combinazione è, in effetti, non molto dissimile a quella della pillola femminile a cui al progestinico è affiancato invece del testosterone un estrogeno, ormone elettivo delle donne.

L’obiettivo ideale del pillolo maschile è il mantenimento della eiaculazione come dell’orgasmo pure ma nell’eiaculato non ci debbono esser spermatozoi. Esattamente come la pillola femminile toglie l’ovulazione pur lasciando le mestruazioni.

Questo in un mondo ideale, ma nella realtà le cose non sono così semplici, complice anche il fatto che la biologia maschile è sicuramente complessa e milioni di spermatozoi per ogni eiaculazione sono più difficili da incastrare (e lo debbono essere tutti e sempre) di un solo uovo mensile.

pillolo maschileInoltre non mancano gli inconvenienti anche semplicemente tecnici: alcuni prodotti testati, ad esempio, inibiscono la fertilità ma non sono solubili e quindi non si possono prendere per bocca. Anche se il PILLOLO MASCHILE PERFETTO” (cioè: SOLUBILE, AD AZIONE RAPIDA, REVERSIBILE E CHE NON SPEGNE IL DESIDERIO) è un obiettivo non ancora raggiunto nella sua completezza, i ricercatori americani sembrano aver fatto dei progressi importanti, grazie a delle modifiche chimiche alla struttura del composto nel modo in cui interagisce con il corpo. Con questi aggiustamenti sono riusciti a rendere il “pillolo” sperimentale più solubile, maggiormente stabile e di più lunga durata.

Il lavoro non è ancora definitivo ma, insomma, proseguendo così potrebbe non tardare il giorno in cui sarà “LEI” a dir: … amore hai preso il… pillolo?

 

BUONE FESTIVITA’ PASQUALI A TUTTI!!!

L’AFORISMA (cattivissimo!) DEL GIORNO: “Una medicina è una sostanza che iniettata in un ratto produce un… articolo…”   Arthur Bloch, La legge di Murphy II, 1980

(Visitato 977 volte, 1 visite oggi)
TAG:
da uomo a uomo luca lunardini pillolo pillolo maschile

ultimo aggiornamento: 27-03-2016


Rissa a Pietrasanta, denunciate cinque persone

Riflessi sul lago