Sono proseguiti anche durante l’ultimo fine settimana i controlli dei Carabinieri all’interno della Pineta di Ponente di Viareggio.
In particolare, come disposto dal Prefetto di Lucca e dal Comandante Provinciale dei Carabinieri, sono stati ulteriormente intensificati i mirati servizi già in corso da diversi mesi all’interno della pineta al fine di contrastare e reprimere lo spaccio di sostanze stupefacenti.
Proprio durante tali controlli i Carabinieri della Stazione di Viareggio hanno tratto in arresto in flagranza di reato un uomo, nato in Marocco classe 1980, in Italia senza fissa dimora, nullafacente, incensurato, sprovvisto di permesso di soggiorno, poiché ritenuto responsabile del reato di Resistenza a P.U. e lesioni personali.
Nella circostanza i Carabinieri si sono appostati in abiti civili all’interno della pineta individuando 3 cittadini extracomunitari evidentemente dediti ad attività di spaccio.
Dopo aver assistito ad alcuni scambi di sostanza stupefacente i militari sono intervenuti ma i 3 spacciatori si sono dati immediatamente alla fuga in direzioni diverse. Uno dei Carabinieri però è riuscito a raggiungere e bloccare uno dei fuggitivi che per tutta risposta tentava di liberarsi dalla presa del militare piegandogli violentemente un braccio ma il Carabiniere non mollava la presa venendo poi raggiunto da altri militari che riuscivano a bloccare definitivamente il malvivente.
Il cittadino straniero è stato quindi immediatamente perquisito venendo trovato in possesso di 1.820 euro in contanti, verosimilmente provento dell’attività di spaccio. Lo stesso è stato allora condotto in caserma e, terminate le formalità di rito, è stato trattenuto presso le camere di sicurezza della Stazione Carabinieri di Viareggio in attesa dell’udienza di convalida che ha avuto luogo presso il Tribunale di Lucca. A seguito dell’udienza l’uomo è stato condannato alla pena di un anno di reclusione con pena sospesa.

Inoltre nell’ambito dei medesimi controlli i Carabinieri della Stazione di Pietrasanta, nel corso di un servizio di perlustrazione svolto in orario notturno all’interno della pineta di ponente, hanno tratto in arresto in flagranza di reato un uomo, nato in Marocco classe 1976, nullafacente, pregiudicato, poiché ritenuto responsabile del reato di spaccio di sostanze stupefacenti.
In particolare i militari hanno notato il predetto cittadino marocchino, già noto per i suoi precedenti penali, mentre a bordo di uno scooter stava lasciando la pineta probabilmente dopo aver rifornito i vari spacciatori della zona ritirandone gli incassi. Alla vista dei Carabinieri il cittadino straniero ha invertito rapidamente la marca tentando la fuga in direzione del Comune di Camaiore. Ne nasceva così un inseguimento che solo grazie all’abilità del militare autista non metteva in pericolo gli altri utenti della strada mentre il cittadino extracomunitario nei pressi di una curva, a causa della forte velocità, perdeva il controllo del mezzo finendo fuori strada ma non riportando ferite.
Lo stesso è stato quindi bloccato e sottoposto ad attenta perquisizione venendo trovato in possesso di:
– 29 dosi di cocaina, del peso complessivo di 32,3 grammi, già pronte per essere spacciate;
– un involucro contenente 7,4 grammi di cocaina;
– 8.115 euro, verosimilmente provento dell’attività di spaccio.
L’uomo è stato  allora condotto in caserma e, terminate le formalità di rito, è stato trattenuto presso le camere di sicurezza della Stazione Carabinieri di Viareggio in attesa dell’udienza di convalida che ha avuto luogo presso il Tribunale di Lucca. A seguito dell’udienza allo spacciatore stati concessi i termini a difesa ed attenderà la prossima udienza ristretto presso la Casa Circondariale di Lucca.

(Visitato 646 volte, 1 visite oggi)
TAG:
carabinieri cronaca pietrasanta pineta spaccio viareggio

ultimo aggiornamento: 11-07-2016


Perde il controllo della moto. Muore centauro

Guasto alla stazione di Torre del Lago. Ripresa la circolazione ferroviaria