Le avevano nascoste bene, celate sotto la cuffia del cambio. Cinque chiavi bulgare, capaci di forzare anche le porte blindate delle case dei villeggianti.

Quattro georgiani, con la loro BMW, si stavano dirigendo martedì scorso in Versilia, ma sono stati bloccati per tempo dalla Stradale di Viareggio. Gli stranieri, di circa trenta anni, potevano sembrare turisti, ma non avevano borse, né valigie e neppure il permesso di soggiorno. La loro ansia ha insospettito gli agenti, che hanno trovato i cinque grimaldelli.

Dall’esame delle impronte digitali, è emerso che uno straniero era ricercato, perché doveva scontare più di un anno di reclusione a seguito di una condanna per furto. Gli agenti lo hanno condotto in carcere, mentre gli altri tre sono stati denunciati per porto ingiustificato di attrezzi da scasso.

Sempre a Viareggio, la Polstrada ha denunciato un nigeriano residente di Prato. A bordo del suo furgone, nascosti sotto il carico “ufficiale”, i poliziotti hanno rinvenuto 61 batterie esauste per auto, oltre a 100 motori per lavatrici. Ferri vecchi, utili per estrarre piombo e poi rivenderlo e ricavarci qualcosa, almeno 3.000 euro, ma estremamente dannosi per l’ambiente,   perché dopo l’estrazione sarebbero stati abbandonati ai bordi della strada. Lo straniero è stato denunciato per il trasporto non autorizzato. La Polstrada lo ha sanzionato con una multa da 550 euro, sequestrando il furgone e il suo contenuto.

(Visitato 871 volte, 1 visite oggi)
TAG:
arresto cronaca furti polstrada stradale viareggio

ultimo aggiornamento: 14-07-2016


Spiagge all’asta. La Corte Europea boccia il rinnovo automatico

Acquista merce contraffatta. Multato un turista