“La pineta di ponente di notte continua ad essere campo di battaglia della delinquenza cittadina. A dimostrare che la situazione sembra divenire ogni giorno più seria e nonostante l’apprezzabile, continuo impegno profuso dalle forze dell’ordine, è di oggi la drammatica notizia di una vittima per accoltellamento”. Ad affermarlo è la senatrice Manuela Granaiola.

“A me pare evidente una cosa: la questione della sicurezza, di un adeguato presidio dei territori più a rischio della città, dipende in gran parte da una questione di risorse: risorse finanziarie, strumentali ed umane. E’ evidente che le risorse disponibili per presidiare la città sono insufficienti. Un efficace coordinamento delle risorse disponibili può, almeno in parte, sopperire a questi limiti. Il coinvolgimento dell’associazionismo civile rappresenta sicuramente una risorsa in più; ma senza adeguate risorse economiche ed istituzionali sarà difficile contrastare ciò che ormai si presenta come una vera e propria emergenza per una città a vocazione turistica come la nostra.

Dispiace prendere atto che le numerose sollecitazioni da me fatte presso il ministero degli interni abbiano, fin qui, prodotto scarsi risultati. Comprendo che le situazioni a rischio (anche ben più gravi di Viareggio) in Italia siano molte; ma sarebbe un peccato non intervenire adeguatamente prima che la situazione precipiti verso l’ingestibilità. La situazione dell’ordine pubblico a Viareggio richiede quindi fatti: bisogna che tutti i responsabili (ognuno per le proprie competenze e responsabilità) abbiano ben chiaro che ogni nuovo episodio di delinquenza infonde nei cittadini nuove paure e sfiducia nelle istituzioni, favorisce l’imbarbarimento delle relazioni sociali (i segni son ben evidenti leggendo i post sui social network) e danneggiano economicamente la città rendendo ancora più difficile ogni concreto percorso di ripresa”.

(Visitato 199 volte, 1 visite oggi)
TAG:
manuela granaiola pineta di ponente viareggio

ultimo aggiornamento: 16-08-2016


“Fontane spente e città piena di rifiuti. Fossi in chi ha voluto questo mi vergognerei”

“La politica sulla sicurezza sta fallendo a Viareggio e in Italia”