Trasferta milanese per l’artista pietrasantino Filippo Ciavoli Cortelli, che insieme allo scultore Lucio Perone, ha arricchito con alcune opere pareti e spazi del noto ristorante Giannino, frequentato da personaggi legati al mondo del calcio., della politica e del gossip. Filippo Ciavoli ha proposto un allestimento di tre lavori in plexiglas, ispirati al mondo delle carte da gioco e due dipinti su tela di derivazione rinascimentale. Perone ha invece portato a Milano una grande scultura a parete. Le opere rimarranno  esposte fino alla fine del 2016. Ciavoli Cortelli è nato e vive a Pietrasanta. Allievo di Igor Mitoraj, ha sviluppato un’abilità scultorea che riconduce al mondo classico. Terzo  nel 2014 al Premio Fondazione Henraux con l’opera “Corallo”  di cui Philippe Daverio scrisse  “ muove i suoi passi in un percorso temporale che metaforicamente trae le sue origini dal Durer per arrivare al computer”,  ha esposto ancora a Milano nella nota Galleria Mimmo Scognamiglio.

(Visitato 526 volte, 1 visite oggi)

Ancora aperte le iscrizioni ai nuovi servizi per l’infanzia

Terremoto, al via la raccolta fondi dagli stabilimenti della Versilia