“Un’altra estate trascorsa tra proclami e nessun intervento risolutivo da parte dell’Amministrazione Del Dotto: questo potrebbe essere il resoconto della stagione estiva 2016 a Lido di Camaiore”. Lo afferma il Capogruppo UDC in Consiglio Comunale a Camaiore Pier Francesco Pardini.

“Tante le problematiche emerse nella nostra frazione rivierasca, a partire dalla Fossa dell’Abate, i cui problemi di inquinamento non sono stati ancora risolti, nonostante gli annunci del Sindaco Del Dotto. Già all’inizio della scorsa estate avevo richiamato l’attenzione sulla questione, prevedendo tempi lunghi per una risoluzione (avevo azzardato dicembre 2015), previsione per la quale fui accusato di strumentalizzazione; evidentemente la mia era una previsione ottimistica, visto che dopo oltre 1 anno ci troviamo nella stessa situazione e in questi mesi la balneazione è stata salvata solo dall’assenza di pioggia.

La raccolta differenziata a Lido di Camaiore, costata ai cittadini oltre 1 milione di euro in più, ha dimostrato tutte le sue carenze, con un servizio scadente e mal gestito. Nei mesi scorsi c’è stata tolleranza zero per quelle attività che per motivi logistici hanno anticipato di qualche ora l’esposizione dei rifiuti e che sono state implacabilmente multate e non si è fatto nulla per i ritardi da parte di SEA, che spesso ha posticipato di mezza giornata il ritiro, lasciando Lido in balia dei rifiuti. 

La gestione delle piste ciclabili, che doveva essere il fiore all’occhiello dell’attuale Amministrazione, è stata spesso drammatica, come denunciato più volte da cittadini e turisti: il lunedì mattina, in occasione del mercato settimanale in Passeggiata, la pista ciclabile, a causa dell’ingombro di mezzi e cartelli, era spesso ridotta a 40 centimetri, con i conseguenti pericoli. 

Ma l’aspetto sicuramente più preoccupante è la mancanza di sicurezza sul nostro territorio: di fronte al continuo aumento di episodi di micro – criminalità, sia nell’entroterra che a Lido, l’Amministrazione Del Dotto è rimasta immobile e incapace di intervenire. Le tante richieste da parte di cittadini e associazioni per una maggiore sicurezza, video – sorveglianza e altre misure sono rimaste inascoltate. Questo è un problema non più procrastinabile, prima che si trasformi in una vera e propria emergenza: il Sindaco dovrebbe capire che c’è bisogno di un intervento prioritario e di investimenti certi, senza ulteriori ritardi.

Inquinamento della Fossa dell’Abate, raccolta dei rifiuti e micro – criminalità in aumento: dov’è l’Amministrazione Del Dotto?”.

(Visitato 533 volte, 1 visite oggi)
TAG:
alessandro del dotto camaiore pier francesco pardini politica

ultimo aggiornamento: 14-09-2016


“L’episodio di Camaiore non può passare come ‘ragazzata’…”

“Acque salubri grazie al piano di gestione portato avanti dagli amministratori del PD”