“E’ ancora sospesa la sorte dei sei dipendenti della Viareggio Patrimonio assegnati a Mover: per loro doveva essere firmata dall’ex sindaco Giorgio Del Ghingaro una convenzione che li vedeva utilizzati in prima battuta dalle altre società partecipate e in seguito dagli altri comuni della Versilia, perché la loro professionalità ormai acquista da almeno un decennio può essere utile al comune e alle altre società”. Lo scrive il coordinamento di Viareggio del Pci.

“I quattro dipendenti del Sit sono in attesa di sapere, insieme ai sindacati da sempre impegnati al loro fianco, cosa ne sarà del loro futuro lavorativo, forse non è stato capita l’importanza del loro servizio a cominciare dall’anagrafe immobiliare del comune di Viareggio ed è come dire che in tutti questi anni si sono sprecati i denari per gli stipendi e i risultati raggiunti con gli strumenti utilizzati lasciati alle ortiche.

“Anche se mancano solo due giorni alla decisione del Consiglio di Stato per sapere se l’ex-sindaco torna in carica oppure si va alle elezioni, i lavoratori hanno diritto di conoscere subito la loro sorte che per noi del Pci deve essere il mantenimento del posto di lavoro. Il nostro impegno ci vedrà dalla parte dei sindacati e di tutti i dipendenti delle partecipate ai quali non si può addebitare nessuna responsabilità riguardo al fallimento in cui versa la nostra città”.

(Visitato 141 volte, 1 visite oggi)
TAG:
pci viareggio patrimonio

ultimo aggiornamento: 19-10-2016


“Il coprifuoco in piazza Dante è un atto necessario”

Mafia nel porto, interrogazione in consiglio regionale