Si svolgeranno anche quest’anno le manifestazioni per ricordare l’Alluvione in Versilia del 19 giugno 1996, organizzate dall’assessorato alla Protezione Civile del Comune di Stazzema in collaborazione con i Comuni della Versilia. Anche quest’anno ci saranno momenti di memoria, ma anche di riflessione per ricordare le  vittime di Cardoso e dell’Alta Versilia. Si è già svolto al Palazzo della Cultura il Convegno “VERSO LA NUOVA LEGGE FORESTALE NAZIONALE. Una gestione forestale sostenibile come opportunità per la sicurezza ed il territorio” alla presenza dei tecnici della Regione Toscana, come il dirigente del Settore Forestazione Sandro Pieroni, un tecnico del Dipartimento della Protezione Civile Nazionale, il responsabile del settore forestazione dell’Unione dei Comuni della Versilia, Domenico Di Nardo e con le conclusioni  il Vice Ministro al Ministero delle Politiche Forestali, Andrea Olivero. Sarà visitabile sino al 2 luglio la Mostra dei 50 anni del periodico Versilia Oggi: un evento fortemente voluto dall’Amministrazione di Stazzema nell’ambito delle manifestazioni per il 21° anniversario dell’Alluvione in Versilia. Versilia Oggi nel dicembre del 1966 ad un mese dalla tragica alluvione di Firenze del 4 novembre, titolava che anche gli argini del fiume Versilia avrebbero prima o dopo rischiato di cedere agli aventi atmosferici se non si fosse fatta una politica attenta di attenzione verso il territorio. Il giorno 17 giugno alle ore 9,30 si svolgerà l’iniziativa a cura del Parco Regionale delle Alpi Apuane sempre al Palazzo della Cultura “Educare alle catastrofi naturali: venti e più anni dopo l’alluvione nelle Alpi Apuane” e la presentazione del  volume “Rains and Ruins.

Il 19 giugno, anniversario dell’Alluvione alle ore 13,45 a CARDOSO  in vari punti del paese distrutto dalle acque si ricorderanno con delle deposizioni di  mazzi di fiori le vittime dell’alluvione del 1996.  Nella mattinata si svolgerà l’inaugurazione di una lapide in ricordo del  cittadino onorario Alessandro Moni recentemente scomparso che dedico due anni della sua vita alla ricostruzione del territorio di Stazzema. E’ stato invitato il Capo  Dipartimento Nazionale di Protezione Civile, Ing.– Fabrizio Curcio che dovrebbe essere presente.  Alle ore 18,30 da Cinquale alla foce del Fiume Versilia partirà la consueta staffetta della memoria che si fermerà alle  ore 19,30 in Località  La Rotta  dove il fiume Versilia ruppe gli argini e alle ore 20,00 a Marzocchino Seravezza presso Cortile Scuola Primaria per una deposizione corona di alloro di fronte alla lapide che ricorda Valeria Guidi, una delle vittime dell’alluvione per arrivare alle 21,15 a Pontestazzemese, da dove partirà la fiaccolata silenziosa per Cardoso. Alle ore 22,00 presso la Chiesa di Santa Maria Assunta di terrà la Santa Messa in ricordo delle vittime. Anche quest’anno il gruppo di cittadini “Uomini della Neve” di Cardoso in collaborazione con il Soccorso Alpino di Querceta illumineranno con delle fiaccole il foro del Monte Forato per unire nel ricordo del 19 giugno 1996 le comunità di Cardoso e Fornovolasco.

 

“Abbiamo voluto”, commentano il Sindaco Maurizio Verona e l’assessore alla Protezione Civile Egidio Pelagatti, “affiancare come facciamo da anni la memoria alla riflessione su ciò che ha portato l’alluvione e su come progettare meglio i territori per scongiurare altre calamità come quella del 1996. Crediamo che il modo migliore per commemorare le nostre vittime è fare in modo che queste tragedie non si ripetano e dunque, non dobbiamo fermare il controllo ed il monitoraggio del territorio. Dopo il 20esimo anniversario il ricordo e l’impegno non si fermano per fare sì che si possa consegnare ai nostri figli un territorio più sicuro”.

(Visitato 161 volte, 1 visite oggi)
TAG:
alluvione cardoso celebrazioni ricordo Stazzema

ultimo aggiornamento: 14-06-2017


Cinque racconti degli studenti di Stazzema sul portale “Toscana ovunque bella”

“Investire nella scuola è gettare uno sguardo nel futuro dando ai ragazzi più opportunità”