Blitz antidroga dei Carabinieri: Arrestato a Viareggio 62enne

La scorsa notte, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Viareggio hanno eseguito uno specifico servizio antidroga su tutto il territorio di competenza, effettuando diversi controlli e perquisizioni soprattutto nelle zone maggiormente frequentate e punto di ritrovo di giovani, nonché nelle aree più isolate e nelle pinete.
Nell’ambito del servizio di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti, i militari dell’Arma hanno arrestato un uomo 62enne, RenatoPennini, già noto alle forze di polizia, sorpreso con numerosi grammi di sostanza stupefacente del tipo cocaina, hashish e marijuana, suddivise in dosi, con vari materiali per il taglio ed il confezionamento della sostanza e con oltre 2.500 euro in contanti, verosimilmente provento dell’attività di spaccio.

L’uomo, infatti, era attenzionato già da alcuni giorni dai militari dell’Arma poiché nell’ultimo periodo aveva tenuto dei comportamenti e dei movimenti sospetti, soprattutto nei pressi della sua abitazione, dove era stato notato uno strano via vai di persone.
Dunque, ieri i Carabinieri hanno fatto scattare il blitz ed hanno fatto irruzione nell’abitazione del soggetto.
Dopo una attenta perquisizione personale e domiciliare, gli uomini dell’Arma hanno scovato un involucro di plastica, ben nascosto in un mobile della camera da letto dell’uomo, contenente quasi 250 gr. di sostanza stupefacente del tipo cocaina, in parte in dosi ed altra pura, circa 15 gr. di hashish, 4 gr. di marijuana, vario materiale per il taglio ed il confezionamento dello stupefacente e la somma di euro 2.525, in banconote di vario taglio, verosimilmente provento dell’attività di spaccio.

A questo punto, il 62enne è stato condotto in caserma e dichiarato in stato di arresto per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e, al termine delle formalità di rito, su disposizione del Sostituto Procuratore di turno, è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Lucca.
Intanto, i Carabinieri hanno sequestrato tutta la sostanza stupefacente che sarà successivamente sottoposta alle analisi per i risultati qualitativi e quantitativi al fine di stabilirne con precisione le dosi ed i guadagni che si sarebbero potuti ricavare dall’attività di spaccio.

Aggiornato il: 30-09-2017 15:05