IL RILANCIO nazionale del trial – una spettacolare specialità motoristica – è nelle mani, nella testa e nei progetti del viareggino Francesco Lunardini, anche presidente dell’associazione motociclistica ‘Perla del Tirreno’. L’incarico è arrivato un po’ di sorpresa. Una sorpresa che è subito diventata la voglia di fare bene visto che Lunardini, da tempo e nel tempo, ha accumulato tanta esperienza nel settore del trial. Memorabili le gare e i raduni che negli anni scorsi, anche sul finire del secolo, erano stati organizzati in particolar modo nella zona collinare del comune di Camaiore. ‘Ho accettato questa scomessa lanciata dal presidente della Federazione motoristica, Giovanni Copioli – ha spiegato Lunardini – perché ho visto da parte sua molto entusiasmo e una forte esigenza di dare un nuovo impulso a questa disciplina. Il mio obiettivo è quello di lavorare sul campo ascoltando tutte le istanze che arriveranno dalla base. L’obiettivo a breve e medio termine non è soltanto aumentare il numero delle ‘licenze’ ma anche avere molte richieste da parte dei Moto Club per organizzare le gare dell’anno successivo. Solo in questo modo il trial può tornare a crescere’. Il primo giorno dopo l’investitura a coordinatore nazionale del Trial, Francesco Lunardini si è già messo al lavoro. La sua agenda è già ricca di impegni e appuntamenti: una grande scommessa da vincere.

(Visitato 54 volte, 1 visite oggi)

Lascia un commento