Uno sfregio contro i caduti delle Foibe. Così il consigliere comunale Alberto Coluccini bolla il segretario di Rifondazione Comunista a Massarosa Nicolò Martinelli, reo di aver postato su Facebook un’infelice battuta su Casa Pound e le foibe.

 

“È da tempo ormai che i Partiti di maggioranza a Massarosa del Pd, Sinistra Comune che ricordo rappresenta a Massarosa Potere al Popolo e la lista del sindaco Noi per Massarosa seminano tutti insieme odio e soffiano sul vento dell’antipolitica cercando in ogni modo lo scontro non solo verbale ma come si è visto giovedì sera anche fisico”, scrive Coluccini.

“Una costante campagna di denigrazione personale nei confronti di chiunque non la pensi come loro senza mai rispondere nel merito delle questioni amministrative, una costante campagna di disinformazione e distorsione della realtà e dei fatti, la costante gogna a suon di mistificazione mediatica nei confronti della minoranza consiliare. Addirittura a metà agosto 2017 per aver partecipato ad una manifestazione autorizzata ed esemplare organizzata dai cittadini semplicemente per chiedere maggiore sicurezza sono stato diffamato dai rappresentanti del centrosinistra e definito a mezzo comunicato stampa un “MASCALZONE”.

“Giovedì sera in pieno carnevale alcuni importanti esponenti della maggioranza, l’assessore Natali, il capogruppo consiliare Gilardetti e il segretario di rifondazione comunista hanno tirato giù la maschera dimostrando il loro vero volto e chi sono nella realtà partecipando attivamente ad una manifestazione non autorizzata sfociata nel blocco della viabilità sulla Sarzanese e in duri scontri con la Polizia che ringrazio per il lavoro svolto e la loro professionalità.

 

“A questo si aggiunge la grave responsabilità di come il Sindaco e i rappresentanti dei Partiti di maggioranza PD in primis abbiano gestito la situazione giovedì e di come oggi 10 febbraio “giorno del ricordo” delle vittime delle Foibe il segretario del PD se la prenda ancora con la pacifica e seria manifestazione dei cittadini di questa estate mentre il suo collega di maggioranza segretario di Rifondazione Comunista dopo gli scontri fisici con la Polizia dell’altra sera ancora oggi posti sulla sua pagina facebook delle buche stradali tappate con catrame in spregio alle vittime e alla storia e a presa in giro dei cittadini di Massarosa costretti invece a evitare le buche stradali reali lasciate lì da questa Amministrazione ormai paradossale”.

(Visitato 664 volte, 1 visite oggi)