Sono state adottate in consiglio comunale, con voto unanime, la variante a Piano Strutturale e la variante al Regolamento Urbanistico relative alle aree di trasformazione poste all’interno della zona artigianale e industriale di Montramito. Procedure più semplici e maggiore sostenibilità economica per chi vuole realizzare nuovi insediamenti produttivi. Trascorsi i termini di legge di trenta giorni si andrà all’approvazione definitiva.

“Sono quattro le aree di trasformazione all’interno della zona artigianale e industriale di Montramito – dichiara il vice-sindaco e assessore all’urbanistica Damasco Rosi – piani attuativi approvati, rimasti validi grazie alla proroga di tre anni concessa nel 2015 dal “decreto del fare”, che però in virtù, vuoi dei vincoli legati al rischio idraulico, vuoi delle previsioni normative contenute negli strumenti urbanistici, vuoi anche per gli effetti della crisi economica, non hanno potuto avere attuazione. I vincoli di natura idraulica sono stati in gran parte superati grazie ad un accordo raggiunto con gli Enti e alle opere di mitigazione dei rischi realizzate in questi anni, dalle vasche di laminazione di Piano di Conca, al rinforzo degli argini della Gora di Stiava fino agli interventi sulle sponde del Massaciuccoli. Con il passaggio amministrativo siamo andati invece ad alleggerire gli oneri e il peso economico degli interventi a carico dei proprietari oltre a consentire la possibilità di frazionare lo sviluppo edificatorio”.

“In buona sostanza – prosegue – è stato eliminato il vincolo della cessione obbligatoria del 40% delle aree da destinare ad interventi di edilizia convenzionata, essendo andato deserto il bando pubblicato mesi fa per la loro assegnazione; le aree da cedere sono scese quindi al minimo consentito per legge, ovvero il 10%; le aree di trasformazione sono state divise in sub-comparti in modo da consentire a ciascuno di essi di partire autonomamente mediante singoli permessi a costruire convenzionati, rendendo più semplice la loro fattibilità”.

“Crediamo molto – continua – sullo sviluppo dell’area di Montramito, sulle sue potenzialità e sulla possibilità che in essa si insedino nuove attività produttive, nuove aziende che possano creare economia e posti di lavoro. Gli investimenti e gli sforzi fatti dall’amministrazione comunale e da altri Enti in quell’area sono stati ingenti, dalla nuova viabilità ai servizi, determinando quella che poi è stata una vera e propria trasformazione per una zona artigianale e industriale più moderna e più accessibile. Il Consorzio di Montramito, con il quale abbiamo da sempre uno stretto rapporto, è certamente un protagonista di questa evoluzione e ci ha fornito sempre un notevole supporto anche in termini di idee e di proposte”.

“Auspichiamo che – conclude Rosi – anche questo passaggio possa dare un nuovo impulso, che le aziende continuino ad investire sul nostro territorio, che creino ulteriori opportunità”.

 

(Visitato 82 volte, 1 visite oggi)
TAG:
Comune di Massarosa montramito urbanistica

ultimo aggiornamento: 28-03-2018


Assunti dalla Fosber tre studenti ancora tra i banchi di scuola

“Cinquecentenario di Michelangelo in Versilia” nell’edizione 2018 di Cibart