Doppia trasferta per l’attrice e autrice Elisabetta Salvatori durante il ponte del 1 maggio. Venerdì 27 e sabato 28 aprile presenterà il suo spettacolo “Scalpiccii sotto i platani” al Teatro Verdi di Busseto in provincia di Parma e al Teatro Misa di Arcevia, nell’anconetano. Spettacolo che, in anteprima, offrirà ai suoi ospiti anche nel “Teatro in salotto” di Via Francesco Carrara a Forte dei Marmi, mercoledì 25 Aprile. Tutte le rappresentazioni inizieranno alle 21.15. Accompagnata, come sempre, dallo struggente violino di Marco Ceramelli, Elisabetta si cimenterà in una delle sue ultime, ma più intense fatiche: la strage di S. Anna. Un toccante lavoro di teatro civile, dedicato ad uno dei capitoli più bui della recente storia del nostro Paese.

In Scalpiccii ripercorre gli ultimi momenti di vita degli abitanti di Sant’Anna di Stazzema prima del compimento dell’eccidio, nell’estate del 1944, ad opera del 16° battaglione SS della “Freiwilligen-Panzergrenadier-Division Reichsführer”. 560 spazzate via in poco meno di tre ore, donne, vecchi e persino 130 bambini.

Il racconto ci riporta a quei momenti prima dell’ecatombe e ancora prima, al 10 agosto, la notte delle stelle cadenti, quando sotto i platani della piazzetta della chiesa i bambini fanno un girotondo e si sente lo scalpiccio dei loro piedini. Elisabetta ripercorre gli attimi concitati che precedono la strage, racconta gli stati d’animo delle persone, attraverso i ricordi dei pochi sopravvissuti e ne cattura le emozioni più profonde.

La cronaca giudiziaria riporta che, nel 2005 il Tribunale Militare di La Spezia ha pronunciato la sentenza (poi confermata dalla Cassazione nel 2007) con la condanna all’ergastolo per dieci imputati, tutti ufficiali e sottufficiali, del II battaglione del 35° reggimento.

(Visitato 143 volte, 1 visite oggi)