“Aumentare la percentuale della differenziata è la strada maestra per ridurre la tari e contribuire al decoro e la bellezza del territorio. Liberare le strade dalle ingombranti campane del vetro e dai puzzolenti carrellati è stata una iniziativa coraggiosa ed allo stesso tempo una iniezione di fiducia per gli abitanti chiamati a collaborare fianco a fianco con l’amministrazione della città e con Sea. La partecipazione invocata non può essere solo di facciata, è ora che i cittadini ci aiutino a stanare chi nasconde i rifiuti in pineta e la richiesta di partecipazione ad ogni possibile azione di contrasto all’abbandono indiscriminato sarà la prossima frontiera per chi gestisce la raccolta dei rifiuti a Viareggio”.

Lo scrive il Presidente di Sea Risorse  Fabrizio Miracolo.

“Non sono mai abbastanza le iniziative per far pensare alla popolazione di far parte di un progetto e renderli partecipi di Rifiuti Zero. Con la rimozione delle campane per la raccolta del vetro abbiamo tolto l’ultimo dei baluardi a contenimento dei zozzoni ed è il momento per chi ama Viareggio, le sue pinete fini alle sue periferie della massima allerta. Questa mossa dimostra che contiamo sulle grandi capacità e la coscienza di confrontarsi ogni giorno con cittadini coscienti e collaborativi che come noi hanno a cuore il progressivo miglioramento dell’immagine della città grazie anche ad un servizio di raccolta sempre in progressivo miglioramento.

“Credo sia arrivato il momento per i viareggini di uno scatto di orgoglio, di reagire, condividendo i correttivi necessari per l’estensione a tutto il territorio urbano della raccolta differenziata.  I benefici presto saranno visibili a tutti e soprattutto con l’attuazione dei prossimi traguardi previsti nel progetto virtuoso, pagheremo il giusto con puntualità ed in maniera proporzionale si consumi. Risorse, non rifiuti, insieme sarà possibile. Si cambia, tutti insieme ce la faremo”.

(Visitato 344 volte, 1 visite oggi)

Videoconferenza internazionale alla Fondazione TiAmo

Da Rotterdam a Kinderdijk passando per Pisa: le nuove mete di DoveVado