Il Partito Comunista Italiano accoglie con favore quanto dichiarato da Don Franco Raffaelli in rappresentanza di tutte le chiese cristiane, unite per aprire i porti di fronte alla drammatica tragedia dei migranti e in condanna del recente comportamento del governo italiano che ha dimostrato incapacità e mancanza di valori civili e morali.

“Sottolineiamo  – si spiega dal Pci – come nel mondo politico cittadino non sia stata affrontata con forza e umanità la situazione dei migranti, delle loro vite senza alcuna speranza, delle loro morti e di quei bambini con le magliette rosse che raccolti in mare ormai quando per loro non c’era più nulla da fare. Solo Repubblica Viareggina invitò con slancio all’apertura dei porti perchè i migranti si potessero salvare da morte sicura. Questo non è accaduto, anzi si è aggravata la posizione del governo italiano e di tutta l’Europa che rimane indifferente di fronte alle tante morti che ogni giorno vengono “contate” nel mare mediterraneo. La gravità della situazione impone che tutto il mondo politico, civile e sociale si mobiliti in modo compatto e unito per contrastare questa inaccettabile barbarie. Per questo proponiamo di incontrarci per  martedì 10 luglio presso il chiosco “Il Coriandolo”, all’inizio di viale Capponi, vicino a via Vespucci, alle ore 18 per organizzare una prossima e condivisa iniziativa”.

(Visitato 942 volte, 1 visite oggi)
TAG:
migranti morti in mare pci porti aperti viareggio

ultimo aggiornamento: 05-07-2018


Asse di penetrazione, Repubblica Viareggina ribadisce il “NO”

Caso Miracolo, l’opposizione chiede un’assise urgente: “Immediata esecuzione della delibera Anac”