Il PD di Forte dei Marmi presenterà in Consiglio Comunale una mozione da inoltrare all’assessore regionale all’ambiente Federica Fratoni, con la quale si chiede di procedere verso la più celere possibile chiusura della discarica di Cava Fornace.

“Il 6 dicembre 2017 il Consiglio Regionale aveva deliberato la mozione n.1079, a firma tra gli altri del Consigliere Stefano Baccelli, Presidente della commissione regionale Ambiente, con la quale si impegnava la Giunta Regionale ad agire in questo senso.
Nei mesi scorsi è ulteriormente cresciuta la preoccupazione sia da parte del Comitato Volontario dei cittadini contro la discarica di “ex Cava Viti”, o Cava Fornace, che da parte di istituzioni locali e cittadini.
Sarà a breve discussa una ulteriore mozione in Commissione ambiente della Regione Toscana, a firma dello stesso Baccelli e dei consiglieri Monica Pecori e Giacomo Bugliani, con la quale si sollecita la giunta ad adottare “anche in virtù di quanto disposto con la mozione 1079/2017, tutti gli atti di propria competenza relativamente alla tematica in oggetto”, ossia alla chiusura della discarica.
Tale sollecito vuole interpretare le preoccupazioni dei cittadini della Versilia, anche alla luce dei recenti sviluppi. Programma Ambiente Apuane spa, la società che gestisce la discarica, aveva comunicato il 16 maggio 2018 l’inizio dei lavori di realizzazione dell’arginatura della discarica Cava Fornace da quota + 43 slm a quota 98 slm. Questo significa un riempimento della discarica fino a quasi 100 metri di rifiuti.
Nella mozione, firmata dai tre consiglieri, si legge che “tale impianto è stato oggetto più volte delle attività ispettive di controllo, a partire da ARPAT, che hanno rilevato nel tempo una serie di non conformità alle attività di smaltimento dei rifiuti”. Lo scorso 21 maggio 2018 è uscita sulla stampa la notizia che ARPAT, a seguito degli accertamenti eseguiti presso l’impianto, avrebbe provveduto a depositare un’informativa e una comunicazione di reato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Lucca (in data 9 aprile 2018) e presso il Tribunale di Massa (in data 6 aprile 2018) per l’ipotesi di reato ai sensi dell’art. 256 c.1 lett. a) e del D.Lgs. 152/06, ovvero in materia di reati ambientali e mancato rispetto delle prescrizioni.
Il PD di Forte dei Marmi, pertanto, chiede al Consiglio Comunale e al Sindaco di trasmettere la mozione all’assessore Fratoni affinché venga fatta chiarezza, si parli con i cittadini nel nostro territorio e ci si adoperi affinché la Regione adotti tutti i provvedimenti di sua competenza”.

(Visitato 61 volte, 1 visite oggi)

Partito il progetto “Risparmia sulla tariffa – ecobonus TARI 2018”

Tanti applausi per la Scuola di Infanzia Giorgini