Spiaggia gay atto secondo: “Quante non verità e imprecisioni”.

E’ lo staff del Mamamia, con il suo titolare Cristian Panicucci, a replicare alla nota del Comune di Viareggio in merito alla non assegnazione del Mama Beach dopo il bando vinto:

“La Gel Staff srl (Mama Mia) ha partecipato come singola azienda e non si è avvalsa di nessun altra società. Per la provincia la documentazione presentata da Gel Staff era perfettamente regolare, tanto da averci nominato vincitori della gara. All’insistenza degli Uffici, anche tramite i nostri legali, abbiamo illustrato che la richiesta del DURC della società che ci ha ceduto un ramo d’azienda, non era dovuto appoggiandosi a tutta una serie di sentenze che gli Uffici hanno ignorato.

Forti della giurisprudenza, non comprendiamo i motivi di questo atteggiamento, speriamo che il comune sia veramente intenzionato ad affidare la spiaggia, indicendo una nuova gara con i termini urgentissimi (13 giorni) come prevede il nuovo codice degli appalti.

Auspichiamo in una nuova gara aperta a tutti e con tutti i requisiti richiesti nella prima e seconda gara”.

(Visitato 1.264 volte, 1 visite oggi)
TAG:
comune di viareggio durc mama beach torre del lago

ultimo aggiornamento: 17-07-2018


Cade sul vialone, è grave

Ospita 12 connazionali violando la normativa di Polizia e Asl, denunciato un bengalese