Tempi duri in Toscana per i camionisti che corrono troppo, trasportando alimenti e merci pericolose senza nessun rispetto per l’ambiente e la salute dei consumatori. Dopo il sequestro di due giorni fa, vicino Badesse (SI), di un TIR con 10 tonnellate di rifiuti che non erano stati coperti per bene e rischiavano di finire dappertutto, ieri la Polizia Stradale di Siena ha sanzionato per oltre 3.500 euro altri 4 autisti, sequestrato un camion senza catarifrangenti e ritirato la patente a un uomo di 28 anni, originario di Aversa (CE) e residente a Terni.

Lui, dipendente di una ditta di trasporti, la scorsa notte dopo aver caricato il suo TIR con uova di gallina appena deposte, si è messo in viaggio da Terni per consegnarle ancora fresche a Campi Bisenzio (FI), presso il deposito di una ditta collegata a una catena di supermercati. L’autista ha premuto troppo sull’acceleratore facendo affidamento sull’oscurità che avvolge di notte quasi tutta l’Autopalio, convinto che mai nessuno si sarebbe accorto di lui. Ma non ha fatto bene i suoi conti poiché, entrato a forte velocità sulla rampa che dall’Impruneta (FI) immette sull’A/1, ha trovato appostata proprio dietro la curva una pattuglia della Sezione di Siena, che gli ha dato l’alt con la paletta.

I poliziotti, gli stessi del sequestro del camion con 10 tonnellate di rifiuti, hanno controllato la scatola nera del mezzo, che aveva registrato 80 km/h e confermato, quindi, quel pericoloso eccesso di velocità, poiché lì il limite è di 30. La Polstrada, resosi conto che a bordo c’erano 4 quintali di uova fresche, ha fatto da staffetta al TIR fino a Campi Bisenzio per evitare che quel cibo non andasse a male. Giunti al deposito i poliziotti hanno sequestrato il TIR, ritirato la patente all’autista, togliendogli 6 punti e multandolo anche per oltre 700 euro.

(Visitato 662 volte, 1 visite oggi)