Il Gruppo della Guardia di Finanza di Viareggio ha posto in essere una articolata serie di controlli sul territorio con particolare riguardo ai settori degli stupefacenti e della contraffazione. I primi, finalizzati ad arginare il fenomeno dello spaccio e del consumo di droga nelle “zone calde della città” e nelle vie della movida Versiliese, sono stati eseguiti su tutto il litorale anche con l’ausilio delle unità cinofile lungo le principali vie di comunicazione e presso lo scalo ferroviario viareggino nonché lungo i viali a mare dalla Marina di Torre del Lago fino a Forte dei Marmi, con particolare attenzione agli spazi adiacenti ai più noti locali notturni. Il dispositivo di controllo economico del territorio durante tutto il periodo estivo ha visto coinvolte complessivamente venticinque pattuglie coadiuvate dai cani antidroga “Fagas e “Mezzanotte”, ed ha permesso di sottoporre a controllo oltre 250 autoveicoli e più di 300 persone, procedendo al sequestro di numerose dosi di sostanze stupefacenti, anche di natura chimica come mdma ed extasi, oltre a quelle oppiacee (tipo cocaina ed hashish) e cannabinoidi (marijuana). Oltre 25 persone sono state segnalate alle competenti Prefetture e 3 i pusher denunciati a piede libero per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Un cittadino magrebino è stato poi tratto in arresto in flagranza di reato, nei pressi della stazione ferroviaria di Viareggio perché trovato in possesso di oltre 120 grammi di cocaina purissima, destinata ad invadere la piazza Versiliese che, una volta tagliata e confezionata per lo spaccio, avrebbe prodotto oltre 700 dosi pronte per lo spaccio. Sul fronte invece del contrasto alla contraffazione e della tutela del made in Italy sono stati eseguiti 10 interventi, alcuni dei quali nei confronti di note attività commerciali sedenti in Lido di Camaiore e Forte dei Marmi, che hanno permesso di denunciare a piede libero 7 persone fisiche (3 cittadini italiani e 4 cittadini extracomunitari) per reati connessi alla produzione ed alla commercializzazione di prodotti recanti marchi industriali contraffatti ed alla ricettazione, nonché di sottoporre a sequestro circa 1.000 capi di prodotti contraffatti di alto pregio delle più famose maison dell’alta moda sia italiana che internazionale, pronti per essere venduti su tutta la riviera. L’azione di contrasto messa in campo nello specifico settore dalla Guardia di Finanza ha da sempre l’obiettivo di vigilare sulla difesa del made in italy, assicurando una efficace risposta alle esigenze di tutela dell’Erario, del mercato e della concorrenza a vantaggio degli operatori economici onesti, danneggiati da tali pratiche scorrette. Infine, i finanzieri di Viareggio hanno effettuato 2 controlli nei confronti di esercizi commerciali che forniscono servizi di rimessa di denaro (cc.dd. money transfer) finalizzati al vagliare le movimentazioni transfrontaliere di valuta che possono costituire “l’altra faccia della medaglia” dei traffici illeciti.

(Visitato 1.489 volte, 1 visite oggi)
TAG:
guardia di finanza viareggio

ultimo aggiornamento: 13-09-2018


Fiamme in una casa, 94enne in ospedale intossicata dai fumi

Viareggio si risveglia con il puzzo di bruciato: “Non si respira”