Oggi, 29 settembre, la Polizia di Stato festeggia il suo Patrono, San Michele Arcangelo. Difensore del popolo di Dio, vincitore nella lotta del bene contro il male, San Michele Arcangelo fu proclamato patrono e protettore della Polizia, da Papa Pio XII, il 29 settembre 1949, per la naturale assonanza con la missione assolta quotidianamente, con professionalità ed impegno, da ogni singolo operatore.
Il poliziotto, infatti, è chiamato ogni giorno ad assicurare il rispetto delle leggi, l’ordine e la sicurezza dei cittadini a favore dei quali orienta il suo servizio che trova espressione e sintesi nel motto “Sub Lege Libertas”.
E a questo impegno costante la Polizia di Stato unisce altresì la straordinaria funzione di soccorso ed assistenza pubblica, rappresentata nel suo stemma araldico con la doppia fiaccola incrociata.
In occasione della ricorrenza, alle ore 09.30, odierne, nella Chiesa di San Michele”, l’Arcivescovo Italo Castellani, alla presenza del Sindaco Alessandro Tambellini, del Presidente della Provincia Luca Menesini, del Questore Vito Montaruli e delle Autorità civili e militari, ha officiato la celebrazione eucaristica.
Alla Solenne Festività hanno partecipato gli appartenenti alla Polizia di Stato e all’Amministrazione Civile dell’Interno, in servizio ed in quiescenza, anche unitamente ai loro familiari, l’Associazione Nazionale della Polizia di Stato, nonché le famiglie delle Vittime del Dovere e tutti coloro che hanno voluto festeggiare con la Polizia di Stato il Suo Patrono.
Per l’occasione si svolgerà altresì ’iniziativa denominata “Family Day”, che vedrà le strutture della Polizia di Stato aperte ai familiari dei dipendenti a motivo di gioiosa condivisione del senso e del valore dell’impegno e dell’operato quotidiano dell’Istituzione.
(Visitato 172 volte, 1 visite oggi)
TAG:
patrono polizia san michele. lucca

ultimo aggiornamento: 29-09-2018


Blitz antidroga, 4 in carcere

Ancora fuoco sul Monte Serra, questa volta sul lato lucchese: in cenere 4 ettari di bosco