“Il teatro Politeama rappresenta una parte importante della storia della nostra città, luogo di incontro, festa e impegno per un’intera comunità. Il simbolo di una città che per troppo tempo non ha avuto un adeguato teatro pubblico”.
 
La nota arriva dal segretario del Pd di Viareggio, Leonardo Betti:
 
“Pur a gestione privata il cinema-teatro ha supplito ripetutamente, a Viareggio e in Versilia, a tale funzione. Ha ospitato convegni, manifestazioni politiche, rassegne teatrali di vario genere. L’ultima stagione di prosa del Comune di Viareggio a cura dell’assessorato alla cultura, si è svolta con l’assessore Dal Pino – Amministrazione Betti – nel 2013-2014 e vide 247 abbonati e una media di 546 spettatori a rappresentazione, un ottimo risultato economico in una situazione di crisi economica ancora pesante, ottenuto con la proficua collaborazione dell’associazione culturale il Prana e il fattivo impegno della Fondazione Toscana Spettacolo.
 
Nello stesso anno ha ospitato i principali galà del trentennale di Europa Cinema con la direzione di Daniele De Plano alla presenza del Maestro Ettore Scola al quale proprio in tale teatro fu consegnata la cittadinanza onoraria di Viareggio, Felice Laudadio, Sergio Castellitto e molti altri prestigiosi ospiti internazionali.
 
Nonostante i gravi problemi attraversati dalla città nel periodo successivo il Politeama ha accolto ogni anno le compagnie teatrali o i gruppi amatoriali che effettuano spettacoli per gli studenti della scuole medie e superiori di tutta la Versilia, rivestendo di fatto un ruolo di pubblica utilità, non facilmente sostituibile.
 
Si pensi inoltre alla funzione insostituibile che un teatro come questo, nel cuore della città turistica: la Passeggiata, potrebbe avere per manifestazioni quali la serata finale del Premio letterario Viareggio Repaci o le premiazioni del Carnevale di Viareggio.
 
Per tutto ciò, chiediamo che l’amministrazione comunale si impegni in tre direzioni possibili:
 
salvaguardare le attività commerciali adiacenti al teatro Politeama, permettendo una rapida riapertura;
 
agire a livello parlamentare attraverso i nostri rappresentanti, quali l’on.Umberto Buratti o il senatore Andrea Marcucci, e in ogni caso in modo trasversale all’arco politico, affinché venga rivista la cifra eccessivamente onerosa del canone demaniale, trattandosi di attività di carattere teatrale e culturale di interesse pubblico, sicuramente tale necessità sarà avvertita anche in altri territori con le stesse circostanze e le medesime esigenze, con storie prestigiose da salvare o valorizzare;
 
ipotizzare una gestione pubblica del teatro Politeama attraverso l’assessorato alla Cultura o le Fondazioni Culturali cittadine prima fra tutte, per competenze specifiche, la Fondazione Festival Pucciniano; in alternativa procedere con un bando aperto per il teatro che imponga comunque il mantenimento dell’attività spettacolare e culturale, in tempi estremamente rapidi”.
(Visitato 404 volte, 1 visite oggi)
TAG:
leonardo betti pd politeama viareggio

ultimo aggiornamento: 06-11-2018


“Non rispondo alle illazioni e alle menzogne, è tempo perso”

“Una situazione intollerabile”